Volontariato e solidarietà: torna il trofeo 'Katia Spinesi'

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Anche quest’anno, come ormai da tradizione, ha avuto luogo il trofeo “Katia Spinesi”, una vera e propria gara di salvataggio nautico cinofilo di livello nazionale. Organizzato dall’Aila, l’Associazione Italiana Lavoro in Acqua (Unità cinofile da soccorso) con il patrocinio del Comune di Vecchiano, la seconda edizione del trofeo si è tenuta lo scorso 26 maggio al Lago delle Tamerici a Coltano (PI).

Il trofeo è organizzato per ricordare Katia Spinesi, ragazza vecchianese di 31 anni tragicamente scomparsa nel febbraio 2014.

Katia era attivissima nel mondo del volontariato del suo territorio. Tra le prime socie Aila, assieme alla famiglia partecipava e contribuiva all’organizzazione dei numerosi eventi.

Marco Spinesi, il padre di Katia, Vicepresidente di AILA è uno tra i Soci più attivi e ci racconta che Katia è sempre vissuta con il cane in casa seguendolo nel percorso cinofilo in AILA. Ha vissuto da vicino tutta la gravidanza e l’arrivo di 8 cuccioli di Labrador, uno dei quali lo vediamo nella locandina dell’evento.

Purtroppo è venuta a mancare e subito dopo anche Benny, la labrador nera di famiglia l’ha seguita.

Dalla cucciolata degli 8 Labrador, una nostra cara amica aveva promesso in regalo un cucciolo, cosa che è avvenuta purtroppo dopo la sua scomparsa. Attualmente, Marco sta proseguendo nella attività cinofila con il nuovo arrivato, portandosi nel cuore la memoria della figlia.

Alessandro Zannini, presidente dell’Associazione: “AILA è nata nel 2009 con l’intento di aggregare cinofili con la passione del lavoro in acqua. In questi anni l’Associazione è cresciuta notevolmente e sempre di più si riscontrano ad inizio stagione nuove adesioni.

Tutto questo è dovuto al notevole spirito di collaborazione dei Soci, che svolgono con passione e sacrificio le attività cinofile previste. Tutti hanno un ruolo ben preciso e tutti si sentono coinvolti con notevole motivazione al lavoro di gruppo, nel processo di sviluppo di AILA. Marco Spinesi, che iniziò con me in questo lungo e talvolta oneroso cammino, è uno dei pilastri fondamentali che mai ha fatto mancare il suo appoggio soprattutto nei momenti difficili della vita dell’Associazione.

Ad oggi AILA è affiliata al CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal CONI, e promuove ed organizza Brevetti Sportivi di salvataggio nautico a livello Nazionale. Per ulteriori informazioni www.lavoroinacqua.it

Si ringraziano i Gruppi Cinofili che hanno partecipato all’evento SAUCS Costa Maremmana, NATT Nucleo Acquatico Terranova Toscano e Orsi del Tirreno.

AILA ha il piacere di donare parte del ricavato della manifestazione svolta Domenica 26 Maggio 2019, in accordo con la Famiglia Spinesi a A.R.A. Onlus  - Associazione Riabilitazione Apprendimento, con sede in via Carlo Francesco Gabba, 26 Pisa.

A.R.A. è un'associazione di genitori di bambini con bisogni speciali che, attraverso una stretta collaborazione con operatori del settore, intende proporsi come punto di riferimento per tutti i soggetti coinvolti nelle tematiche della riabilitazione; vuole promuovere, inoltre, il ruolo della famiglia come protagonista delle scelte e dello sviluppo del progetto riabilitativo dando voce al disagio familiare che si esprime nella difficoltà a capire dove e come muoversi affinché il bambino possa usufruire di servizi che mirino ad un recupero funzionale adeguato. Accanto a questa richiesta ce n'è un'altra, silenziosa, di non facile comprensione: la necessità di essere aiutati a rivalutare e a recuperare il ruolo di genitori in maniera serena, attraverso la comunicazione e la collaborazione con altre famiglie che vivono la stessa realtà e con operatori preparati.

All’evento ha premiato il presidente della Provincia di Pisa e sindaco di Vecchiano, Massimiliano Angori. Picchetto d’Onore dei VVFF. Servizio sanitario gratuito ANPAS di volontari e ambulanza.

Torna su
PisaToday è in caricamento