Servizio civile: 42 posti alle Misericordie Pisane

Ecco tutti i progetti in provincia sostenuti da Giovanisì della Regione Toscana e come fare domanda

La Regione Toscana ha emanato l'avviso per la selezione di 3.150 giovani da impiegare nei progetti di servizio civile regionale e nel bando di Giovanisì rientrano i progetti delle Misericordie della provincia di Pis: sono 21 le sedi accreditate per svolgere tale servizio, con 6 progetti approvati ed un totale di 42 posti disponibili.

Nello specifico i progetti, con le relative sedi, sono:
- 'Pisa Soccorso 1 2018' per le Misericordie di Saline di Volterra, Volterra e Pomarance;
- 'Pisa Soccorso 2 2018', che si svolge presso le Misericordie di Peccioli, Fabbrica di Peccioli, Soiana e Morrona, Terricciola, Pontedera, Montecalvoli;
- 'Pisa Soccorso 3 2018', che come sede ha le Misericordie di Santo Pietro Belvedere, Bientina, Buti, Cenaia, Crespina, Lari e Vecchiano;
- Pisa Soccorso 4 2018 attivo presso le Misericordie di Selvatelle, Castelfranco di Sotto, Ponsacco, Chianni, Forcoli.

Tutti e quattro questi progetti si svolgono su 6 giorni settimanali, da 5 ore ciascuno, e le attività che vedranno coinvolti i ragazzi sono il soccorso sanitario, e l'accompagnamento di anziani e disabili presso centri di cura.

Altri due progetti vedono coinvolta la sede della Misericordia di Vicopisano, e sono:
- 'MiVi Soccorso', progetto che si svolge su 5 giorni settimanali, e prevede come attività il soccorso sanitario e l'organizzazione e partecipazione ad eventi di promozione della salute;
- 'MiVi Sociale', progetto che prevede 6 giorni di servizio settimanali, e come attività principali ha lo sportello informativo, il trasporto sociale e l'organizzazione di attività ludico/ricreative.

Per tutti i progetti, al termine del servizio civile, verrà rilasciato l'attestato di servizio, nonché l'attestato di soccorritore di livello avanzato e operatore DAE. Verrà inoltre rilasciata specifica certificazione delle competenze acquisite dai giovani, per i singoli progetti.

Fare domanda

I giovani, dai 18 ai 29 anni non compiuti, hanno tempo per presentare domanda fino al 7 giugno alle ore 14, accedendo al sito dedicato e seguendo le istruzioni riportate. Può essere presentata domanda per un unico progetto, pena l'esclusione.

Può fare domanda chi alla data di presentazione:
- sia regolarmente residente in Toscana o ivi domiciliato per motivi di studio propri o per motivi di studio o di lavoro di almeno uno dei genitori;
- sia in età compresa fra diciotto e ventinove anni (ovvero fino al giorno antecedente il compimento del trentesimo anno);
- sia non occupato, disoccupato, inattivo; sia in possesso di idoneità fisica;
- non abbia riportato condanna penale anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo;

Tutti i requisiti, ad eccezione del limite di età, devono essere mantenuti sino al termine del servizio. Possono partecipare coloro che stanno frequentando un qualunque corso di studi.

Non può presentare domanda chi:
- già presta o abbia svolto attività di servizio civile nazionale o regionale in Toscana o in altra regione in qualità di volontario, ovvero che abbia interrotto il servizio prima della scadenza prevista, ad eccezione di coloro che hanno cessato il servizio per malattia;
- abbia avuto nell'ultimo anno e per almeno sei mesi con l'ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo.

Per avere maggiori informazioni e dettagli, è possibile visitare il sito delle Misericordie Pisane, oppure inviare una mail a serviziocivile.areapisana@misericordie.org

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Residente a Pisa in quarantena: è entrato in contatto con l'uomo positivo a Pescia

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: in Toscana due casi sospetti positivi in attesa di validazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Coronavirus, caso sospetto a Firenze: positivo il secondo tampone su un uomo

Torna su
PisaToday è in caricamento