La plastica del futuro è made in Pontedera

Il progetto Pro-Plasmix rende possibile il riciclaggio e l'immissione nella filiera industriale delle plastiche miste sinora senza riutilizzo: è il primo ed unico esempio in Italia

La nuova sfida della filiera del riciclo? Riguarda il Plasmix cioè la plastica eterogenea e “povera” che costituisce la parte principale di quella derivante dalla raccolta differenziata. Ne fanno parte ad esempio i sacchetti della spesa, gli imballaggi dei supermercati, i flaconi di detersivi e anche parti di giocattoli. All’estero questi materiali sono bruciati come combustibile per il recupero energetico, mentre in Italia, almeno sinora, restavano inutilizzati. La quantità di questo genere di plastica è ingente: solo in Toscana è pari a circa 15mila tonnellate l’anno, ossia al 50% di tutte le plastiche provenienti dalla raccolta differenziata.

Primo ed unico in Italia
, il progetto Pro-Plasmix, realizzato da Pont-Tech (consorzio per la Ricerca Industriale e il Trasferimento Tecnologico nato nel 1996 a Pontedera) con il cofinanziamento della Regione Toscana e grazie alla collaborazione e al contributo di Revet, ha reso possibile la trasformazione di queste plastiche eterogenee in manufatti industriali. L’attività di ricerca del progetto si è concentrata sullo studio di mescole polimeriche innovative in cui la percentuale di Plasmix (ossia di plastica eterogenea e “povera” ricavata da processi di raccolta differenziata) potesse arrivare sino al 30-40% a seconda del prodotto da realizzare. Da questo punto di vista un apporto fondamentale è venuto dal PontLab, il laboratorio di eccellenza promosso da Pont-Tech nell’ambito del Centro Ricerca e Formazione sull’Innovazione Tecnologica e il Trasferimento delle Tecnologie (CERFITT) di proprietà del Comune di Pontedera. 

Il progetto Pro-Plasmix, avviato nel 2009, ha quindi consentito di mettere a punto un metodo innovativo per riciclare le plastiche “povere” garantendo vantaggi sia dal punto di vista economico che ambientale. I risultati sono meno rifiuti in discarica e costi inferiori rispetto all’utilizzo del materiale vergine. I prodotti che si ottengono hanno qualità pari o superiore a quelli tradizionali come nel caso dei componenti di veicoli che, a parità di resistenza e affidabilità, hanno però un peso minore. Esempi di oggetti realizzati sono i bauletti e le pedane per i 2 ruote Piaggio, i pallets per il trasporto merci, i pannelli fonoassorbenti realizzati per la società Autostrade, i profilati da arredo urbano esterno, le persiane per i prefabbricati, scope ed altri utensili di uso domestico.

La presentazione dei risultati del progetto Pro-Plasmix è in programma il 20 maggio prossimo, alle ore 11, a Firenze alla Fortezza da Basso nell’ambito di “Terra Futura”, mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità ambientale, economica e sociale. Parteciperanno al workshop “I ri-prodotti”: Giuseppe Pozzana, Direttore Pont-Tech, Lucio Masut, PontLab, Valerio Caramassi, Presidente Revet e Giuseppe Rossi, Presidente Corepla. Le conclusioni dell'incontro saranno affidate all'assessore regionale all'ambiente e energia Anna Rita Bramerini.

 
Questa significativa innovazione nel mondo del riutilizzo dei rifiuti plastici è stata valutata con interesse dalla Regione Toscana tanto che è prevista una seconda fase di sviluppo del progetto come conferma il direttore di Pont-Tech Giuseppe Pozzana: " L'investimento sul progetto di ricerca è di 87 mila euro. I risultati sono stati così positivi che la Regione Toscana, d'intesa con Corepla e Revet, ha deliberato un rifinanziamento analogo per la realizzazione di una ulteriore fase di approfondimento e sviluppo". Nel secondo step del piano saranno studiate altre famiglie di materie plastiche per dare così vita ad un riutilizzo dei materiali di scarto sempre più completo ed efficiente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Porta a Mare, incendio in casa: soccorsa una donna

  • Politica

    Elezioni, domenica alle urne: la diretta della giornata di voto

  • Incidenti stradali

    Auto sfonda la vetrata del bar Lilli: "Siamo disperati, poteva esserci una strage"

  • Cronaca

    Rubano casseforti dalla banca ma vengono inseguiti: furto sventato

I più letti della settimana

  • Auto sfonda la vetrata del bar Lilli: "Siamo disperati, poteva esserci una strage"

  • Muore dopo essere caduta dalla finestra: probabile suicidio a Pontedera

  • Via Aurelia: sbanda e si schianta contro la vetrata del bar

  • Lutto nel mondo della sanità: muore infermiere dell'Aoup

  • Cinque ristoranti dove mangiare carne a Pisa

  • Dermatite atopica: visite gratuite al Santa Chiara

Torna su
PisaToday è in caricamento