Sold out per 'O cambi o chiudi bottega'

Si è svolto stamattina “O Cambi o Chiudi Bottega”, l'evento promosso per i propri clienti ed esteso agli “amici” di Facebook da Dami&Partners Business Consulting, brand spin-off della Dami Communication che identifica la branca d'azienda che si occupa specificatamente di comunicazione aziendale, presso My Office Business Center di Ospedaletto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

“Il processo di acquisto dei prodotti e delle merci è profondamente cambiato negli ultimi mesi e questo costituisce un grosso problema per chi rimarrà ancorato ai metodi di vendita utilizzati fino ad oggi dalla maggioranza delle piccole aziende ma può essere anche un'ottima occasione per chi invece saprà coglierla e controllarla” – dice Federico Dami davanti ad una sala completamente esaurita di imprenditori e professionisti. A discutere l'argomento, pensato per gli imprenditori pisani, sono in realtà accorsi da una vasta zona della Toscana. Dami, titolare della Dami Communication, esperto di web e di comunicazione 2.0, ha spiegato concretamente ed in modo ironico che la partita tra vendere o fallire si gioca su due fronti: avere dei prodotti con un'identità ben definita e saperli vendere. Le aziende italiane, continua Dami, spesso credono che il loro lavoro si concluda con la realizzazione del prodotto, capire quanto sia eccellente tocca al cliente, venderlo è compito esclusivo degli agenti; così funzionava già male prima ma oggi non funziona proprio più. La maggior parte delle aziende, insiste Dami, non hanno una precisa linea di marketing e sottovalutano o trascurano internet come strumento di promozione; non saper “condurre” la comunicazione dei prodotti online è un vero e proprio suicidio commerciale. L'evento ha anche dato modo ad imprenditori impegnati nelle più diverse aree di business di confrontarsi tra di loro con entusiasmo, guardando da una nuova prospettiva e stimolando la nascita di nuove collaborazioni.

Torna su
PisaToday è in caricamento