Natale 2018: ecco quanto spenderemo per i regali

Alimentari, giocattoli, abbigliamento e calzature, questi i settori in cui si concentreranno le spese dei cittadini nella nostra regione

Il mese di dicembre si conferma come il più importante dell’anno per le vendite, concentrando da solo oltre il 10% degli acquisti totali. Ma è dai giorni successivi all’8 dicembre che l’attenzione dei consumatori si concentra tutta sulle spese di Natale.
A confermarlo è il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni: “Per Natale regge sia la tradizione del regalo sia la spesa, che in Toscana stimiamo tra i 170 e i 180 euro a testa, cifra in linea con quella dello scorso anno”.

Tra le preferenze di acquisto dei toscani si confermano ai primi posti alimentari (con grande attenzione ai prodotti artigianali di qualità), giocattoli, abbigliamento e calzature.

Saldi: le date del via agli sconti

Tra i regali, secondo Confcommercio, ci sarà anche spazio per il benessere personale (trattamenti di bellezza e prodotti per la cura della persona), per gli immancabili smartphone di ultima generazione e per i prodotti informatici e di elettronica di consumo.
“Insomma, Natale diventa l’occasione giusta per rinnovare gli strumenti tecnologici di uso quotidiano, magari togliendosi qualche sfizio nella scelta del modello” aggiunte Marinoni.

Ad animare gli incassi di questi giorni c’è anche un po’ di turismo, più che altro italiano, dato il periodo. “Le città toscane che hanno investito in un bel programma di eventi natalizi sono riuscite ad attirare persone, anche solo per escursioni giornaliere, ma comunque importanti perché ogni fine settimana - sottolinea Marinoni - movimenta gli affari di pubblici esercizi e negozi”.

Il profumo della polenta e le luci dell'albero

“Anche le vendite di Natale risentono dei cambiamenti nelle modalità di consumo. Da una parte una maggiore familiarità con l’e-commerce, poi la caccia al prezzo migliore, che ha spinto ad anticipare qualche regalo addirittura a novembre, nei giorni del Black Friday, con sconti importanti. Segno - conclude il direttore di Confcommercio - che la voglia di spendere rimane ma si scontra con la paura del futuro". E magari anche con la voglia di fare un affare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento