Terme di Casciana: investimento di 1,5 milioni di euro per la fangoterapia

I lavori sono stati realizzati in soli sei mesi e hanno permesso di modernizzare la struttura divenuta un punto di riferimento nel mondo del benessere e delle cure termali

Completo rifacimento dell'impianto di fangoterapia e di una prima parte dei camerini fango-bagno, ammodernamento dell'ingresso invernale della piscina termale esterna e relativi servizi igienici, docce e spogliatoi. Il tutto per un investimento di 1,5 mln di euro. Le Terme di Casciana hanno inaugurato il nuovo reparto destinato alla balneo fangoterapia, una delle cure termali classiche più diffuse ed apprezzate, grazie alle specifiche proprietà terapeutiche dell'acqua termale Mathelda che, unita al peloide minerale in una "maturazione" di diversi mesi nelle grandi vasche allo scopo specificatamente concepite, consente di curare efficacemente diverse patologie. Dal punto di vista tecnico, si tratta di una soluzione modulare che permette maggiore flessibilità di esercizio sia per contenere i costi energetici sia per poter operare anche a basse temperature esterne (fino a -10C) in modo da assicurare l'operatività del reparto in qualsiasi stagione.

"Lo sviluppo delle Terme - ha detto il sindaco di Casciana Terme Giorgio Vannozzi, presente insieme al presidente della Provincia Andrea Pieroni - si consolida nel segno dei nostri settori primari, quello del benessere e quello del sanitario con un investimento importante che va proprio nella direzione non solo del convenzionato ma anche del settore privato con un'integrazione tra vecchie e nuove terapie".

"Oggi è una giornata importante per le Terme di Casciana perché corona un lavoro di ben tre anni da parte del Consiglio di amministrazione - ha detto il presidente Leonello Castaldelli - riteniamo si tratti di una tappa nella valorizzazione delle terme storiche esaltandone sia la qualità delle acque che le professionalità". Il direttore generale Alberto Naldini, infine, ha ricordato che i lavori sono stati realizzati "in soli 6 mesi e mantenendo sempre operativo il reparto di fangoterapia, evitando quindi l' interruzione della normale attività di erogazione delle terapie alla clientela". (fonte Ansa)

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

  • Pioggia e temporali in Toscana: scatta l'allerta

Torna su
PisaToday è in caricamento