'Terre di Pisa' alla Borsa Mediterranea del Turismo

Nove imprese con la Camera di Commercio all'evento leader nel settore Business to Business

Il viaggio di 'Terre di Pisa', il brand nato su iniziativa della Camera di Commercio di Pisa per identificare le peculiarità agroalimentari, artistiche, storiche, naturali e l’offerta turistica dell’entroterra pisano, prosegue senza sosta. Questa volta, dopo il debutto dello scorso anno, si tratta di un ritorno, nel cuore del Mediterraneo, per la ventitreesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo che si è svolta a Napoli dal 22 al 24 marzo e che ha visto la presenza di nove imprese del settore turistico nello stand collettivo della Camera di Commercio di Pisa.

Una manifestazione, quella partenopea, tra le principali fiere turistiche in Italia ed evento leader nel settore Business to Business, con oltre 22mila visitatori, 6mila agenzie, 500 espositori distribuiti su un’area espositiva di 20mila mq.

Vetrina prestigiosa, dunque, per la 'destinazione turistica pisana' che ha suscitato notevole interesse, tra i buyer nazionali ed esteri, grazie anche alla varietà dell’offerta delle aziende del nostro territorio: benessere termale, agriturismo di livello, produzioni vitivinicole di pregio, prodotti di filiera cortissima, beni culturali e servizi turistici all’altezza.

Ecco le imprese partecipanti:
Società Cooperativa Culture (Mura di Pisa) - Pisa
Tuscantaste di Rossi Claudia - Crespina Lorenzana
My Tuscany Travel di Lami Daria - Casciana Terme Lari
Mugel travel by promovacanze - Pisa
Il Cammino Soc. Coop. - Peccioli
Fattoria Fibbiano - Terricciola
Bagni di Casciana - Casciana Terme Lari
Tenuta di Ghizzano - Ghizzano di Peccioli
Tenuta Quarrata - Capannoli

Il commento del Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini: "Terre di Pisa sta diventando adulto e inizia a misurarsi seriamente con il mercato e le altre destinazioni turistiche. I risultati sono incoraggianti, cresce la consapevolezza degli operatori, delle istituzioni coinvolte nel progetto e si consolida il rapporto tra il settore turistico propriamente detto e le altre eccellenze territoriali, in primis quelle agroalimentari. In tal modo nel panorama toscano si sta progressivamente affermando l’identità dell’intera filiera turistica pisana e questo anche grazie alla sintesi prodotta dal marchio territoriale 'Terre di Pisa'. Una destinazione turistica che, oggi, può essere promossa unitariamente, con strategia coordinata, risorse e modalità adeguate ed in contesti di livello che ne consentano l’affermazione, questa è la sfida, quale marca di richiamo internazionale".

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Salute: a Pisa il primo centro clinico proctologico e del pavimento pelvico

I più letti della settimana

  • Luminara 2019: programma, informazioni e misure per la sicurezza

  • Il Pisa torna in serie B: esplode la festa in città

  • Scontro fra tre auto a Pontedera, una si cappotta: tre feriti

  • Torna il cinema sotto le stelle al Giardino Scotto: il programma di giugno

  • Rapina due studenti, poi si getta in Arno per sfuggire alla Polizia

  • Elezioni comunali, Pontedera-Ponsacco-San Miniato: tris del centrosinistra

Torna su
PisaToday è in caricamento