Archivio d'arte: 1976 - 2016 quaranta anni di attività del GAMeC

Questa mostra collettiva dedicata ai quaranta anni del GAMeC CentroArteModerna di Pisa si apre il 5 Novembre 2016 (fino al 16 novembre ) alle ore 17 , è ordinata e curata da Massimiliano Sbrana e raccoglierà presso la sede storica sul lungarno Mediceo al numero 26, le opere di autori pisani che nel corso di questi decenni hanno esposto negli spazi di questa ormai storica Galleria pisana.

Attraverso una prestigiosa selezione di dipinti, disegni e sculture sono allora in esposizione i lavori numerosi artisti tra i quali in particolare evidenza:

Aspreno S., Banti F., Bartalini F., Bernardini P., Berti A., Biondi G., Bonfanti G., Borsacchi C., Buscemi A., Bussotti R., Colombini C., Corrado D., Corucci N., Costa R., De Luca R., Della Croce M., Di Cocco S., Dolfo, Fancelli V., Galardini R., Giuliani G., Lapi P., Lapucci C., Lazzerini S., Lotti I., Magoni B., Marchi C., Martini U., Martini A., Meucci M., Moriani M., Pacini G., Palagano G.F., Pamio O., Pellegrini V., Pizzanelli F. , Pizzarello S.,Pollacci B., Radogna M., Sandroni L., Schinasi D., Taddei A.M., Tognoni G., Viviani G., Volpi A ed altri ancora.

Il CentroArteModerna è ufficialmente nato nel 1976 ( ma la sua attività inizia per merito del fondatore Comm.re Nilvano Sbrana nella metà anni '40 che come responsabile di una delle più importanti Case Editrici pisane - attività svolta fino al 1973 - inizia un viaggio affascinante nel mondo dell'arte e della cultura del secondo novecento italiano curando cataloghi, monografie, edizioni d'arte per i maggiori artisti italini ed entrando in contatto con i critici, storici dell'arte e i maggiori galleristi e mercanti d'arte del periodo in italia), in uno dei più bei lungarni di PISA (Lungarno Mediceo) a due passi dal Museo Nazionale di S.Matteo, e da allora ha sempre svolto con successo di critica e di pubblico molteplici attività sia in campo artistico, con organizzazione, nei suoi luminosi e ampi locali, di mostre personali e collettive, sia in campo artistico, con organizzazione, nei suoi luminosi e ampi locali,di mostre personali e collettive, sia in campo editoriale pubblicando edizioni d'arte e monografi (come casa editrice "Il Gabbiano - CentroArteModerna") per i maggior artisti italiani.

Filosofia dello spazio espositivo del CentroArteModerna ed in particolare della nuova direzione di Massimiliano Sbrana, è quella di stabilire un utile e generale incontro tra tutti coloro che operano nel mondo delle arti - dall'artista, al critico, al collezionista - e quello di diffondere, al di là del settore stesso, la conoscenza e l'amore per l'Arte. Questo è stato possibile attraverso una mediazione diretta riconducibile alla tradizione ed alla continuità nella gestione di questa Galleria; all'uso di un linguaggio semplice e chiaro, scevro da ogni facile mercantilismo, in modo da raggiungere il vasto pubblico, che grazie anche alle nuove tecnologie (il CentroArteModerna è presente nel web con un suo sito internet da oltre ventianni), viene così ad avvicinarsi direttamente ad artisti selezionati per qualità e professionalità ed alle loro opere. Il CentroArteModerna ha sempre quindi operato seguendo più interessi, come una casa editrice che produce collane editoriali o una produttore cinematografo che realizza film con registri diversi. Tutto in ragione della generazione di interessi nuovi nei collezionisti e nelle istituzioni nei confronti artisti del secondo novecento in particolare, organizzando quindi mostre personali e tematiche ( dalla Macchia alle più recenti espressioni contemporanee), prestando opere per esposizioni pubbliche e private, costituendo un archivio di documenti e realizzando convegni e giornate di studio su artisti del territorio.

Nei sui spazi espositivi il CentroArteModerna ha dedicato molta attenzione anche alle ultime generazioni, curate speso da giovanissimi critici. In contemporanea abbiamo seguito alcuni artisti italiani con cui sono nate ottime relazioni, aprendoci a nuovi ed interessanti rapporti con artisti stranieri, sempre in un ottica d'ampliamento culturale. Apertura che sta contribuendo ad arricchire il sistema dell'arte italiana anche di nuove professionalità, nate dall'innovazione tecnologica che insieme a qualche difficoltà ha aggiunto possibilità di lavoro e permette di operare su una scala - geografica e sociale - più ampia. Il sistema dell'arte sarà, secondo noi, certamente oggetto di una ridefinizione, con una necessità d'adeguamento da parte anche degli artisti.

Oggi a distanza di oltre 40 anni gli spazi del GAMeC CentroArteModerna sono divenuti la realtà espositiva più antica e prestigiosa che Pisa abbia espresso sia per qualità che per continuità.


Altre informazioni prossimamente sul sito: www.centroartemoderna.com . Per appuntamenti tel + 393393961536 O email: info@centroartemoderna.com

La mostra proseguirà fino al 16 Novembre 2016. (ingresso libero). Orari: 10-12,30/16,30-19,00 (feriali); Domenica 6 Novembre 2016 17,00-19,30 (festivi telefonare per conferma); Chiuso Lunedì .

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Territorio, comunità, architettura nella Toscana di Olivetti

    • Gratis
    • dal 20 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Museo della Grafica
  • 'Hello world! l'informatica dall'aritmometro allo smartphone'

    • Gratis
    • dal 10 ottobre 2019 al 30 aprile 2020
    • Centro Congressi Le Benedettine
  • 'Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni' a Pontedera

    • dal 8 dicembre 2019 al 26 aprile 2020
    • Palp - Palazzo Pretorio

I più visti

  • Territorio, comunità, architettura nella Toscana di Olivetti

    • Gratis
    • dal 20 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Museo della Grafica
  • 'Hello world! l'informatica dall'aritmometro allo smartphone'

    • Gratis
    • dal 10 ottobre 2019 al 30 aprile 2020
    • Centro Congressi Le Benedettine
  • 'Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni' a Pontedera

    • dal 8 dicembre 2019 al 26 aprile 2020
    • Palp - Palazzo Pretorio
  • Vicopisano, camminando nel romanico

    • 4 aprile 2020
    • Pieve di Santa Maria
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PisaToday è in caricamento