Escursione alla 'Torre segata"' di Filettole

Una torre "divisa a metà", un'antica leggenda che coinvolge le guerre medievali tra Pisa e Lucca e un panorama affascinante sulla Valdiserchio. Per il ciclo "Le vie del confine", cartellone di iniziative per riscoprire il territorio di confine pisano-lucchese promosso dall'associazione "Salviamo La Rocca" di Ripafratta, la prima tappa non poteva che essere la Torre dell'Aquila o altrimenti detta "segata".

La torre era parte importante della cintura di fortificazioni a guardia del confine tra le due città rivali in Valdiserchio, ed è situata sul lato opposto del Serchio rispetto alla Rocca di Ripafratta.

Volete sapere il perché di questo soprannome curioso? Non mancate allora! Ci ritroveremo domenica 16 febbraio 2020 alle ore 9 presso la piazza Salvador Allende a Filettole per poi partire alla volta della Torre. Il sentiero non è troppo impegnativo e il dislivello da coprire, nel complesso, è di poco più di 150 metri, ma sono comunque richieste scarpe da trekking e abbigliamento idoneo. Il rientro è previsto per le ore 12.

Per motivi organizzativi i posti sono limitati. Per prenotarvi scrivete una mail a visite@salviamolarocca.it. Per info potete anche inviare un whatsapp al 3398358584. L'iniziativa non ha un costo fisso. Per permetterci di continuare a organizzare eventi come questo, aperti a tutti, puoi sostenerci - se vuoi - con un'offerta libera che potrai devolvere al nostro stand in loco. Le offerte saranno destinate alle attività di valorizzazione del territorio promosse da Salviamo La Rocca.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Escursioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • 'Coronarte, gli artisti si raccontano ad Andrea Speziali in una mostra digitale'

    • Gratis
    • dal 25 marzo al 5 giugno 2020
    • Casa Speziali
  • "Chi finanzia il cambiamento climatico?". Scopriamolo con Greenpeace Pisa

    • solo domani
    • Gratis
    • 26 maggio 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PisaToday è in caricamento