'Ico e i casi umani' chiudono la rassegna 'Musica a mollo' del Bagno degli Americani

Non si poteva che chiudere con un gruppo locale di talento e qualità la rassegna musicale del Bagno degli Americani, “Musica a mollo”, diretta da Riccardo Pratesi.

Ico e i Casi Umani, condotti dal cantautore pisano Ico Gattai, delizieranno il pubblico del Bam con il loro nuovo album di inediti, “Terriccio Universale”, uscito per Aloch Dischi / Surfin’ki Records.

Appuntamento a giovedì 29 agosto alle 21.30.

Ico e i Casi Umani si definiscono autori di canzoni brevi, distorte e sentimentali. Sono una band con serie intenzioni demenziali, suonano rock eclettico e svarionato, con sentori di cantautorato punk, elettronica minimale, pop italiano floreale, teatro-canzone e altro ancora.
Uno spettacolo terra-terra e un concerto cosmico, uniti in un unico show.
“Terriccio Universale" contiene tredici pezzi di rock verace fatto in casa, canzoni spassose e un po' angosciate, strofe serie e ritornelli demenziali, ritmi ossessionati e sentimenti eclettici.
Il primo singolo estratto è “Je vais chanter en français”.

Bar e ristorante del Bagno degli Americani sono, come sempre, a disposizione del pubblico.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Festival Beethoven 250

    • dal 15 al 23 febbraio 2020
  • Barcelona gipsy balkan orchestra

    • solo oggi
    • 19 febbraio 2020
    • Lumiére
  • Lanzoni, Morgan, Mcpherson: concerto

    • 23 febbraio 2020
    • Teatro Sant'Andrea

I più visti

  • Carnevale di Orentano

    • solo domani
    • 23 febbraio 2020
    • Orentano
  • Carnevale di Bientina

    • solo domani
    • 23 febbraio 2020
  • 'Dalle macchine di Leonardo all’Industria 4.0', mostra al Museo Piaggio di Pontedera

    • dal 30 novembre 2019 al 29 febbraio 2020
    • Museo Piaggio
  • Territorio, comunità, architettura nella Toscana di Olivetti

    • Gratis
    • dal 20 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Museo della Grafica
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PisaToday è in caricamento