Teatro: 'La fiaba della Principessa Turandot'

  • Dove
    Teatro Verdi
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 31/03/2019 al 31/03/2019
    17
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Lo spettacolo 'La fiaba della Principessa Turandot', rivolto a un pubblico dai 7 anni in su, approda ora sul palcoscenico del Teatro Verdi, terzo appuntamento della Rassegna 'Teatri di Confine', organizzata insieme con Fondazione Toscana Spettacolo onlus: in scena domenica pomeriggio (31 marzo) alle ore 17.

Testo e regia sono di Renzo Boldrini, la drammaturgia musicale è di Claudio Proietti, con una partitura musicale che unisce citazioni orchestrali registrate e musica dal vivo eseguita al pianoforte dallo stesso Claudio Proietti, l’elaborazione musicale elettroacustica è stata curata da Giovanna Bartolomei; scenografia, luci e immagini sono di Lucio Diana.  Protagonisti Carlo Salvador e Tommaso Taddei; la voce di Turandot è di Diletta Landi.

I biglietti costano 10 euro, ridotto 7 euro; per i giovani sotto i 30 anni e per gli adulti accompagnatori dei ragazzi, oltre che per gli abbonati alle stagioni del Verdi, il biglietto costa 5 euro. 

Lo spettacolo

Traendo ispirazione dalle molteplici versioni del personaggio Turandot, gli autori hanno liberamente creato una nuova storia che vuole evidenziare l’aspetto fiabesco della vicenda. Hanno così trasformato il personaggio di Adelma, che nel testo di Busoni è un ex principessa divenuta ancella di Turandot, e l’hanno fatta diventare la nuova sposa del Re di Pechino e quindi la matrigna di Turandot. Come nella fiaba di Biancaneve, Adelma è in realtà una strega che però non gareggia con la sua figliastra per la bellezza, ma la utilizza come esca irresistibile per Re e Principi, per eliminarli e allargare trionfalmente il suo regno. Turandot viene così trasfigurata in una versione orientale della Bella Addormentata in perenne attesa di un principe nobile e coraggioso che la svegli dall’incantesimo del quale è vittima sciogliendo il suo cuore trasformato dalla magia in ghiaccio. L’amore, quindi, come potente arma che ridà vera vita a Turandot e al suo regno, Pechino, perché torni a essere una città accogliente, un incrocio di persone, colori, storie e musiche.  La fratellanza fra un re ormai esule, Calaf,  e Arlecino, un personaggio in maschera, vero e proprio cittadino del mondo, serve in questa nuova edizione della storia a rafforzare maggiormente uno dei temi centrali che emerge in tutte le versioni storiche di Turandot: l’incontro/scontro fra generi, identità, punti di vista, lingue e culture, fra quotidiano ed esotico, consueto e straniero. Tema antico ma quanto mai attuale anche fra i ragazzi che vivono un momento storico segnato da un mondo sempre più globalizzato e caratterizzato da una sempre più profonda trasformazione interculturale. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'Cappuccetto Rosso' a La Città del Teatro a Cascina

    • solo domani
    • 13 ottobre 2019
    • La Città del Teatro

I più visti

  • Mostra 'Gipi. Storie d'artista' a Palazzo Blu

    • fino a domani
    • dal 15 giugno al 13 ottobre 2019
    • Palazzo Blu
  • Sagra del Porcino e della Chianina a Castelfranco di Sotto

    • oggi e domani
    • dal 12 al 13 ottobre 2019
    • Casa del Popolo ARCI
  • Giornata nazionale delle famiglie al museo: le iniziative nei musei dell’Università di Pisa

    • solo domani
    • Gratis
    • 13 ottobre 2019
  • Sagra della polenta a Guardistallo

    • oggi e domani
    • dal 12 al 13 ottobre 2019
    • Guardistallo, Piazzale delle Feste
Torna su
PisaToday è in caricamento