vasai e fornaciai pisani tra medioevo ed età moderna attraverso le fonti scritte

Documenti d’archivio finora inediti per ricostruire la storia di Pisa. Le più recenti scoperte saranno illustrate sabato 8 settembre a partire dalle 16.30 al Centro Espositivo SMS per la conferenza “Vasai e fornaciai pisani tra medioevo ed età moderna attraverso le fonti scritte” dal dottor Giuseppe Clemente della Società Storica Pisana, professionista specializzato in archeologia medievale e postmedievale. Si tratta del primo appuntamento di settembre all’interno della mostra “Pisa Città della Ceramica” che dal primo del mese ha riaperto i battenti con orario regolare (martedì e giovedì ore 9-13 e 15-17; mercoledì e venerdì ore 9-13; sabato e domenica ore 10-13 e 15-18) e propone speciali visite guidate nei fine settimana (venerdì ore 11; sabato e domenica ore 11 e 17, solo su prenotazione. Informazioni e prenotazioni alla mail pisacittaceramica@gmail.com).

Il dottor Clemente presenterà per la prima volta l’ampio lavoro svolto sui documenti d’archivio a partire dal 2013 sui vasai pisani tra XVI e XVII secolo, lavoro che prosegue e aggiorna le ricerche di Graziella Berti e Liana Tongiorgi, studiose che si sono occupate dei ceramisti pisani tra il XIII e il XV secolo. La conferenza sarà inoltre dedicata ai dati raccolti sui fornaciai e sui produttori di laterizi attivi a Pisa sempre nei primi secoli dell’età moderna a partire dalle informazioni raccolte attraverso lo studio di documenti d’archivio sinora inediti. Grazie alle nuove ricerche si è riusciti, infatti, a censire diverse decine di ceramisti e mattonai, finora sconosciuti, attivi a Pisa tra Cinquecento e Seicento e, attraverso il confronto con le fonti archeologiche, a individuare la collocazione dei luoghi di lavoro e di residenza degli artigiani stessi.

L’analisi dei documenti ha inoltre permesso di ipotizzare il numero minimo delle botteghe attive in città. Oltre a questo si sono potuti ricostruire i rapporti parentali dei ceramisti e dei fornaciai e ricollegare alcuni di questi a famiglie pisane attive già alla fine del Trecento o nel corso del Quattrocento. L’incrocio dei dati ha consentito di comprendere anche le dinamiche della mobilità degli artigiani da e verso la città e il variare delle attività produttive nel corso dei decenni. Tutte queste informazioni hanno permesso di comprendere meglio i cambiamenti della produzione ceramica cittadina, di delineare la crisi economica delle manifatture pisane tra la fine del XV e gli inizi del XVI secolo durante la seconda repubblica pisana e di descriverne la ripresa nel corso del Cinquecento dopo la riconquista fiorentina. L’evento è realizzato insieme con la Soprintendenza ABAP di Livorno e di Pisa e il Polo Museale della Toscana, con il sostegno della Fondazione Pisa, del Comune di Pisa e della Camera di Commercio di Pisa. Ha ricevuto il sostegno e la collaborazione di Acque S.p.A., Donati Laterizi, Unipol Sai, di club di servizio (Rotary, Lions, Soroptimist e Innerwheel di Pisa e del territorio) e di altre associazioni culturali cittadine (Archeoclub di Pisa, Amici dei Musei e dei Monumenti Pisani), oltre che di alcune ditte del settore produttivo e dalle sedi locali dei soci Coop. Hanno aderito e partecipano all’iniziativa diffusa sul territorio i Comuni di Calcinaia, Santa Maria a Monte, Castelfranco di Sotto, Montopoli in Val d’Arno, San Miniato e Fucecchio insieme ai loro musei e aree archeologiche, oltre alla Diocesi di San Miniato per mezzo del suo museo.

La mostra è patrocinata dal MiBACT, dalla Regione Toscana e dall’Università di Pisa. Info e programma completo: www.pisacittaceramica.it Mail: pisacittaceramica@gmail.com Biglietti: accesso gratuito al centro SMS e alla sede espositiva presso la Camera di Commercio, e biglietto ridotto al Museo Nazionale di San Matteo e a Palazzo Blu – esposizione permanente giorno di chiusura per tutte le sedi: lunedì SMS: Da settembre a novembre - martedì e giovedì dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle 17:00; il mercoledì e il venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00; il sabato e la domenica dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 18:00 (ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura). Camera di Commercio: Da luglio a novembre visitabile su prenotazione dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00 scrivendo a pisacittaceramica@gmail.com Museo Nazionale di San Matteo: feriali: 8:30 - 19:30; festivi: 8:30 - 13:30 (ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura) Chiusura: ogni lunedì. Per informazioni specifiche Tel. 050 541865, pm-os.museosanmatteo@beniculturali.it Palazzo Blu: Le collezioni della Fondazione Pisa sono fruibili dal martedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 19:00 e il sabato e la domenica dalle ore 10:00 alle ore 20:00 (ultimo ingresso un'ora prima della chiusura). Per informazioni specifiche tel. +39 050 220.46.50; info@palazzoblu.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Impariamo a fare le pastafrolle

    • solo domani
    • 22 febbraio 2020
    • Agriturismo Al Palazzaccio
  • 'Gufando'

    • 23 febbraio 2020
    • Proloco Coltano
  • Festa di Carnevale del Cep

    • Gratis
    • 23 febbraio 2020
    • Cep

I più visti

  • 'Dalle macchine di Leonardo all’Industria 4.0', mostra al Museo Piaggio di Pontedera

    • dal 30 novembre 2019 al 29 febbraio 2020
    • Museo Piaggio
  • Territorio, comunità, architettura nella Toscana di Olivetti

    • Gratis
    • dal 20 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Museo della Grafica
  • 'Hello world! l'informatica dall'aritmometro allo smartphone'

    • Gratis
    • dal 10 ottobre 2019 al 30 aprile 2020
    • Centro Congressi Le Benedettine
  • 'Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni' a Pontedera

    • dal 8 dicembre 2019 al 26 aprile 2020
    • Palp - Palazzo Pretorio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PisaToday è in caricamento