A Pisa il primo porto 'plastic-free' d'Italia

Il Porto di Pisa dice addio alla plastica monouso: "Soffocando mari e fiumi sotto tonnellate di plastica soffochiamo il nostro futuro e quello dei nostri figli"

In vista della 'Giornata del mare e della cultura marina', in programma domani, 11 aprile, l’annuncio di un’iniziativa concreta per dare un segnale forte e invertire la rotta: il Porto di Pisa dice addio alla plastica monouso e diventa il primo approdo turistico 'plastic-free' d’Italia ed il primo porto italiano ad essere inserito nell’elenco '#plasticfree' del Ministero dell’Ambiente, che raccoglie le imprese, gli enti e le istituzioni che hanno adottato provvedimenti e promosso azioni sul tema dell'inquinamento da plastica.

Al centro di un territorio straordinario dal punto di vista naturalistico, all'interno del Parco di San Rossore e Massaciuccoli e di Pelagos, il santuario per la protezione dei mammiferi marini, il Porto di Pisa è diventato in pochi anni un punto di ritrovo per gli appassionati della vela e tutti gli amanti del mare. Non poteva così restare inascoltato l’appello delle numerose istituzioni e delle associazioni ambientaliste che mettono in guardia sui pericoli dell'inquinamento da plastica.

"C’è molta attenzione intorno a questo tema - commenta Simone Tempesti, amministratore unico del Porto di Pisa - ed è importante non solo continuare a parlarne, ma soprattutto avere il coraggio di impegnarsi concretamente, anche adottando misure drastiche. Il nostro percorso prevede l’abbandono della plastica monouso all'interno dei nostri uffici e della marina e il lancio di una campagna di comunicazione nazionale. Accogliere l’appello del ministro Costa è stato per noi un dovere morale perché è un problema che ci riguarda da vicino: soffocando mari e fiumi sotto tonnellate di plastica soffochiamo il nostro futuro e quello dei nostri figli".

Il Porto di Pisa si prepara inoltre ad ospitare una giornata di sensibilizzazione il prossimo 15 maggio, con un convegno dedicato ai temi dell’inquinamento da plastica e microplastiche e alle nuove prospettive del riciclo. Collaborano all’iniziativa: Università di Siena, Università di Pisa, Laboratori Archa, Parco di San Rossore Massaciuccoli, Comune di Pisa, Regione Toscana e Ministero dell’Ambiente. Il Porto di Pisa invita infine tutti gli studenti e i cittadini di Pisa e dintorni a partecipare ad un grande flash-mob per comporre tutti insieme la scritta plastic-free. L’evento si terrà sul molo.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 13 e 14 luglio

Torna su
PisaToday è in caricamento