25 aprile: una storia di liberazione

Il 25 aprile del 1945 è festa nazionale: si celebra la liberazione dell'Italia dall'occupazione nazifascista

Ogni 25 aprile in Italia si festeggia la Festa della Liberazione: questo giorno è ricordato anche come l'anniversario della Resistenza, e celebra la liberazione del suolo nazionale dall'occupazione delle forze nazifasciste al termine della seconda guerra mondiale. Questa giornata quindi ha una doppia valenza: militare, dovuta alla definitiva sconfitta dell'esercito tedesco, e politica, scaturita dalla lotta ingaggiata dalle forze partigiane di diversi colori contro il regime fascista prima e repubblichino poi.

1. "Arrendersi o perire"

"Arrendersi o perire" fu l'ordine diramato dai quadri dirigenti di tutte le forze partigiane operanti all'interno dei confini italiani: che fossero brigate rosse, bianche o di qualsiasi altra connotazione politica, l'imperativo dettato a quelli che l'esercito nazista aveva inquadrato come banditi fu di lottare fino all'ultimo uomo per tramutare in realtà l'insurrezione finale e decisiva contro l'occupazione tedesca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 25 aprile il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI) – il cui comando aveva sede a Milano ed era presieduto da Alfredo Pizzoni, Luigi Longo, Emilio Sereni, Sandro Pertini e Leo Valiani – indicò a tutte le forze partigiane attive nel Nord Italia facenti parte del Corpo Volontari della Libertà di attaccare i presidi fascisti e tedeschi imponendo la resa, giorni prima dell'arrivo delle truppe alleate. Parallelamente il CLNAI emanò dei decreti legislativi, assumendo il potere "in nome del popolo italiano e quale delegato del Governo Italiano", stabilendo tra le altre cose la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti, incluso Benito Mussolini, che sarebbe stato raggiunto e fucilato tre giorni dopo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Coronavirus in Toscana: 10 nuovi casi e 5 decessi

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento