5 giardini della Toscana da visitare

Dall'Orto botanico dell'Università di Pisa fino al Giardino dei Semplici di Firenze: in Toscana sono moltissime le aree verdi di interesse storico, scientifico e artistico da visitare. Vediamone insieme cinque

Aree verdi destinate allo studio della botanica, ma anche luoghi dove ritrovare e ristabilire la pace dei sensi e la calma immersi nella natura, coccolati dal fruscio del vento tra le fronde e dal cinguettio degli uccellini. I giardini in Toscana, dagli orti botanici comunali e universitari fino a vere e proprie aree monumentali, sono moltissimi. Scopriamone insieme qualcuno.

1. Orto e Museo botanico di Pisa

L'Orto botanico dell'Università di Pisa è stato fondato nel 1543 grazie all'intuizione del medico e botanico imolese Luca Ghini e ai fondi concessi per la realizzazione dell'opera da parte del granduca Cosimo I. Con il 19° secolo l'Orto botanico subì sostanziali cambiamenti, anche in relazione alle mutate esigenze della botanica che - ormai evoluta come scienza autonoma - si specializzò in svariate branche compresa quella sistematico-evolutiva. In base alle teorie proposte da Darwin, Linneo, Tournefort e altri studiosi, le piante vennero classificate e presentate secondo criteri nuovi prettamente scientifici che evidenziavano le affinità biologiche piuttosto che le proprietà medicinali. Questa riorganizzazione fu attuata in varie fasi dai curatori dell'Orto Gaetano Savi e Teodoro Caruel a partire dalla prima metà dell’800.

orto botanico 5-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olio di semi mescolato con il gasolio: denunciati gestori di distributore

  • I migliori sport e i trucchi per accelerare il metabolismo e dimagrire

  • Nubifragio in Valdera: allagamenti e disagi

  • Via le Rene: trovata auto incidentata cappottata nel fosso

  • Aggredito mentre controlla il parcheggio dove lavora: 60enne in ospedale

  • Mercatini in via Oberdan, commercianti furiosi: "Vetrine coperte, dovrebbero rimborsarci le perdite!"

Torna su
PisaToday è in caricamento