Congestione: che cos'è, come si verifica e come comportarsi

Ne abbiamo parlato con il professor Giuseppe Figlini, presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Pisa

Una bibita ghiacciata bevuta con foga perché ci si sente accaldati, un tuffo in acqua dopo un pasto pesante, entrare in un locale con l’aria condizionata molto alta dopo essere stati al sole. Sono queste alcune delle condizioni in cui si può verificare una congestione, un malessere fastidioso e da non sottovalutare. Abbiamo cercato di capirne di più sul perché si verifica e che cosa si può fare con l’aiuto del professor Giuseppe Figlini, presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Pisa.

Professor Figlini, che cos'è la congestione?

"La congestione è un blocco della digestione dovuto ad uno sbalzo termico tra la temperatura del corpo e quella esterna. La digestione è infatti un processo chimico attraverso il quale si trasforma ciò che abbiamo mangiato in energia per il nostro organismo. E' però un processo che richiede un notevole afflusso di sangue nella zona dello stomaco. Il consumo di una bibita ghiacciata quando si è molto accaldati, un colpo d’aria fredda o un bagno in mare subito dopo un pasto pesante, fa sì che si crei questo sbalzo di temperatura. In questi casi il nostro organismo, che deve sempre mantenere in equilibrio la temperatura corporea, dirotta il sangue nelle altri parte del corpo per riportare la temperatura al giusto equilibrio, riducendo così l'afflusso allo stomaco e creando le condizioni in cui si può verificare una congestione".

Quali sono i sintomi della congestione?

"I sintomi più comuni sono: brividi, sudore, crampi allo stomaco, nausea e sensazione di svenimento che può arrivare fino alla perdita di coscienza".

Quanto tempo dopo aver mangiato possiamo fare il bagno?

"Una volta si diceva che prima di fare il bagno bisogna aspettare almeno tre ore. Non esistono però prove scientifiche a sostegno di questa tesi. Dipende sempre da diversi fattori: da cosa si è mangiato, dalle condizioni della persona, se quella persona soffre o meno di problemi digestivi. Se una persona ha mangiato frutta o verdura può fare il bagno quasi subito. Diverso è invece il discorso se ha mangiato una bistecca. E' poi sempre consigliabile immergersi in acqua piano piano, bagnandosi prima le parti periferiche del corpo, come testa, mani, piedi, polsi e ovviamente lo stomaco. Questo per evitare uno sbalzo termico improvviso".

E' quindi fondamentale l'alimentazione?

"Certamente. La frutta o la verdura vengono digerite quasi subito dal nostro organismo, mentre per la carne servono almeno un paio d'ore di tempo. Altri cibi che richiedono del tempo per essere digeriti, e che sono quindi sconsigliabili se si vuole poi fare subito il bagno, sono i fritti, i formaggi, soprattutto stagionati, e l'alcol. La cioccolata, ad esempio, viene subito digerita e fornisce al nostro organismo energia immediata. E questo è il motivo per cui viene usata dagli atleti anche durante la stessa pratica sportiva".

Come si previene quindi? E cosa fare in caso di congestione?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si previene valutando sempre bene ciò che si mangia e adottando di conseguenza i comportamenti più indicati. La congestione è sempre dovuta ad uno sbalzo di temperatura a livello dello stomaco. Quando si verifica è quindi consigliabile bere qualcosa di caldo o mettere qualcosa di caldo sopra l'addome in modo da rialzare la temperatura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Lutto nella sezione Aia di Pisa: muore a 41 anni Gennaro D'Archi

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Auto fuori strada lungo l'Arnaccio: muore 25enne

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

Torna su
PisaToday è in caricamento