Covid-19, uffici del Consorzio Basso Valdarno chiusi al pubblico e servizi telefonici attivi

Le disposizioni in base al decreto contro il Coronavirus

In linea con le disposizioni governative per il contrasto alla diffusione del COVID-19 gli uffici del Consorzio di Bonifica 4 Basso Valdarno rimarranno chiusi al pubblico a tutela dei cittadini e dei dipendenti. La decisione arriva in risposta alle nuove disposizioni ministeriali sulle ‘Misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19’.

Rimarranno quindi chiusi al pubblico, fino a data da destinarsi, le tre sedi del Consorzio di Pisa, Ponte Buggianese (Pistoia) e Ponte a Egola (San Miniato, Pisa). I cittadini che avessero bisogno di informazioni relative al Tributo di Bonifica possono chiamare in orario di lavoro i numeri verdi 800 391 760 (Sede di Pisa), 800 645 303 (sede di Ponte Buggianese), 800 308 229 (sede di Ponte a Egola).

Chi avesse necessità di segnalare urgenze sul territorio è invitato a contattare i numeri 348.3701087, 349.2913117, 334.6439384.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per altre informazioni consultare il sito www.c4bassovaldarno.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento