Il 'bon ton' di Fido: 10 regole per educare il cane alla città

Il vostro cane è poco abituato alla vita metropolitana? Ecco 10 semplici regole che vi aiuteranno nella gestione della museruola, del guinzaglio e nella risposta ai comandi

Dalla passeggiata al parco, al fermo sul posto, fino alla gestione del gioco come elemento capace di rafforzare la relazione uomo-cane. Sono solo alcuni dei principi del galateo per il cane metropolitano: in Italia vivono più di 7 milioni di cani, secondo i dati di Assalco Zoomark 2019 e, secondo gli esperti, è opportuno che i proprietari, con il consiglio di educatori cinofili, facciano seguire al proprio pet un 'percorso educativo' per abituarlo a contesti quali la casa, gli spazi comuni del condominio, la strada e i luoghi pubblici.

Ecco i dieci 'capisaldi' di un perfetto galateo di cane metropolitano.

1. Questione di postura

Anche nei confronti del cane il linguaggio del corpo acquisisce un particolare significato, soprattutto in circostanze legate all'educazione. La posizione delle spalle, delle braccia, delle mani e della testa dell’uomo comunicano al cane qualcosa. La postura corretta da tenere? Schiena dritta, spalle rilassate e braccia lungo i fianchi. E' questa la posizione iniziale nel momento di dare i comandi al proprio animale.

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Salute: a Pisa il primo centro clinico proctologico e del pavimento pelvico

I più letti della settimana

  • Luminara 2019: programma, informazioni e misure per la sicurezza

  • Torna il cinema sotto le stelle al Giardino Scotto: il programma di giugno

  • Incendio sul Monte Pisano: ancora fiamme

  • Rissa con accoltellamento in viale Gramsci: due feriti

  • Museo delle Navi Romane: il 16 giugno l'inaugurazione della 'Pompei del mare'

  • Professoressa colpita da ictus: i poliziotti la salvano entrando dalla finestra

Torna su
PisaToday è in caricamento