Che stress l'ora legale: 6 effetti collaterali

Chi accusa l'insonnia, chi sbalzi di umore e problemi ad adattare anche la scansione dei pasti durante la giornata. Le lancette si spostano soltanto di un'ora, ma lo stress può durare molto di più

Puntuale, con l'arrivo della primavera, nelle nostre vite si ripresenta anche l'operazione di spostare in avanti di un'ora le lancette dei nostri orologi. Guai a chi si dimentica di farlo: si rischia di fare tardi a lavoro, saltare appuntamenti importanti o perdere coincidenze con i mezzi di trasporto. Ma spesso il passaggio all'ora legale è anche fonte di stress e di piccoli problemi di salute e adattamento alla nuova scansione temporale. Vediamo quali sono quelli più comuni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

1. Si dorme peggio

Che la notte in cui entra in vigore l'ora legale si dorma un'ora di meno è un fatto ovvio. Poco male, verrebbe da dire. Il problema è che il debito di sonno non è limitato a quel giorno soltanto. Il periodo di transizione è per la maggior parte delle persone assai più lungo e vale sia per il passaggio dall'ora solare a quella legale sia viceversa. Si dorme meno e il sonno è più disturbato, come ha evidenziato uno studio su "Neuroscience Letters". L'impatto dell'ora legale sul nostro organismo è dovuto al ritmo circadiano, l'orologio interno che regola molte funzioni cicliche del nostro corpo. La melatonina, una delle sostanze coinvolte, viene sintetizzata quando è buio, e favorisce il sonno. Il problema con l'ora legale è che il sole sorge più tardi, rendendo più difficoltoso l'instaurarsi del modo 'veglia'. Mentre di sera la luce dura più a lungo, confondendo di nuovo l'organismo sul tempo giusto per mettersi in modalità 'riposo'. Le più sensibili agli effetti tipo 'jet lag' dell'ora legale pare siano le persone che tendono a svegliarsi più tardi; i mattinieri ne risentono di meno. Alcuni impiegano fino a tre settimane per abituarsi, per altri basta un giorno. E' molto importante quindi evitare, prima di coricarsi, di assumere sostanze potenzialmente eccitanti che potrebbero disturbare l'addormentamento o causare risvegli notturni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

Torna su
PisaToday è in caricamento