Cellulare alla guida: pene più severe dopo la modifica del Codice della Strada

Tra le novità introdotte dalla modifica recente al Codice della Strada anche l'inasprimento delle pene per chi viene pizzicato al cellulare durante la guida

Nel mese di luglio la Commissione Trasporti di Montecitorio ha approvato alcune modifiche al Codice della strada introducendo nuove norme e modificandone alcune già esistenti. 

Via la patente a chi usa lo smartphone alla guida

Tra le novità introdotte spiccano le sanzioni più severe per chi usa il cellulare alla guida. Si va dalla sospensione della patente per un periodo compresa tra i 7 giorni a 2 mesi, dalla prima violazione. Un inasprimento figlio del "dilagante utilizzo del cellulare alla guida, non solo per ciò che concerne le chiamate, ma in particolar modo per quanto riguarda le app di messaggistica e navigazione" come sottolineato da Giordano Biserni, presidente dell'Asaps, Associazione amici sostenitori polizia stradale, che chiede inoltre un adeguamento e potenziamento delle pattuglie sulle strade.

Nuovo Codice della Strada: le novità

Tra le altre modifiche introdotte nel Nuovo Codice della Strada spicca il dimezzamento del costo per il ricorso contro una sanzione. Importante anche lo stop alle multe fatte per mezzo di telecamere ai veicoli in divieto di sosta quando il conducente non può sapere di essere stato multato.

Novità anche per quanto riguarda la cintura di sicurezza per il passeggero: in caso l'infrazione venga accertata, il conducente del mezzo sarà ritenuto corresponsabile e sanzionato con il passeggero. Stesso scenario per quanto riguarda le due ruote e l'uso del casco. A proposito di casco: in bicicletta diventa obbligatorio per gli under 12. Sempre per quanto riguarda i più piccoli diventa obbligatoria l'installazione di cinture di sicurezza sugli scuolabus.

Tra le norme cassate va sottolineata la bocciatura del limite di velocità a 150 chilometri orari sulle autostrade a tre corsie, proposto dalla Lega. Al limite potrebbe partire una sperimentazione di un anno, esclusivamente su tratte a tre corsie dotate di tutor. Infine un'altra importante novità è l'eliminazione dell’obbligo di esibire patente e libretto e altro tipo di documentazione, verificabili telematicamente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

Torna su
PisaToday è in caricamento