Cascina, gabinetto del sindaco: "La prima promessa elettorale tradita"

E' l'accusa che l'ex sindaco di Cascina, Alessio Antonelli, muove nei confronti della nuova Giunta leghista: "Dovevano smantellarlo, spenderanno di più rispetto alla mia Amministrazione"

L'ex sindaco di Cascina, Alessio Antonelli

"L’Amministrazione leghista muove i primi passi nel governo della città e subito tradisce la prima promessa elettorale". E' l'accusa che l'ex sindaco di Cascina, Alessio Antonelli, muove nei confronti del suo successore, Susanna Ceccardi. "Se l’attuale vicesindaco Parrini - scrive Antonelli in una nota - ha fatto dello smantellamento del gabinetto del sindaco un cavallo di battaglia, puntualissima il sindaco Ceccardi ha nominato il nuovo capo gabinetto smentendo paradossalmente quel che il suo vice ha dichiarato in più occasioni durante la campagna elettorale".

"Preciso subito - continua Antonelli - che il provvedimento è del tutto legittimo e non entro nel merito. La questione, infatti, non riguarda l’inopportunità politica di chiamare a dirigere il gabinetto un consigliere leghista di altro comune, quanto piuttosto l’aver tradito quella promessa fatta ai cittadini. Parrini, che nei mesi scorsi si è accanito sul mio staff, gridando allo spreco di denaro e omettendo volutamente che quei 120mila euro erano una spesa lorda complessiva in 5 anni per due persone, si ritrova, ora, vice di un sindaco che ha confermato la permanenza di un ufficio di gabinetto esterno. Ed ecco, puntuale, anche la prima bugia da Sindaca di Ceccardi che dice di risparmiare, sostenendo che il suo staff è costituito da una sola persona, il mio da due. Vero. Ma per dovere di cronaca, dobbiamo aggiungere che il mio gabinetto era composto da due part time, il suo da un full time".

"E diciamo anche - si legge ancora nella nota di Antonelli - che la scelta di trasformare i due part time in un tempo pieno, è stata della precedente Amministrazione. Ceccardi, però, si è spinta più in là: oltre allo stipendio ordinario, il nuovo gabinetto riceverà un compenso aggiuntivo, da determinarsi con provvedimento deliberato dalla Giunta stessa, facendo spendere al Comune di più rispetto a quanto previsto dalla mia amministrazione. Ceccardi ha detto di voler risparmiare ma, per ora, quel che hanno fatto è stato liberarsi di un’auto praticamente da rottamare e far uscire Cascina dall’Anci, una rivendicazione elettoralistica volta a determinare l’isolamento e l’indebolimento della città nei confronti di un’associazione che ha sempre tutelato i Comuni nei confronti del Governo. Se questi sono i primi passi - conclude Antonelli - mi riservo di valutare quelli successivi. E la nuova Amministrazione può stare sicura che questo lo farò con attenzione, correttezza istituzionale e soprattutto nel rispetto della verità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoro: 16 assunzioni alla SEPI

  • Spari al Cep: fermate due persone

  • Ciak si gira: a Pisa il via alle riprese della seconda stagione de 'L'amica geniale'

  • Si schianta con lo scooter contro un'auto: muore 21enne bagnino

  • Maltempo in Toscana: in arrivo piogge e temporali

  • Ragazzo cade dalle spallette sui lungarni

Torna su
PisaToday è in caricamento