"Prima gli Italiani": il Consiglio Comunale approva il Bilancio di previsione

Il via libera dopo due giorni di discussione in cui non sono mancate le polemiche e le tensioni. La Lega: "Dalle parole ai fatti". Diritti in Comune: "Pisa come Lodi"

Foto da Facebook

Il Consiglio Comunale ha approvato sabato 22 dicembre, dopo due giorni di discussione anche piuttosto tesa, il bilancio di previsione 2019-2021, insieme al documento unico di programmazione. La delibera è stata approvata con 22 favorevoli (quelli della maggioranza) 8 contrari (le minoranze, escluse Patto Civico assente alla votazione) e 0 astenuti. Durante l’esame delle pratiche ci sono stati dei momenti di tensione tra il gruppo della Lega e le minoranze. In particolare con il PD e con Diritti in Comune che hanno accusato la maggioranza di approvare un documento discriminatorio.

Bilancio di previsione: diminuisce la Tari e restano invariate le altre tasse

Esulta il gruppo della Lega che durante l'approvazione del testo ha alzato dei cartelli con la scritta 'Prima gli Italiani, Lega Pisa'. "Con l’approvazione di questo bilancio - dichiarano gli assessori alla Sicurezza e alle Politiche Sociali, Giovanna Bonanno e Gianna Gambaccini - possiamo avere quelle risorse indispensabili che ci consentiranno di passare dalle parole ai fatti. Vogliamo combattere la marginalità sociale, l’emergenza abitativa e l’insicurezza e questo bilancio contiene proprio ciò che occorre. Da gennaio partiranno tante iniziative come il percorso di sgombero del campo nomadi di Oratoio che abbiamo già finanziato, le operazioni antidroga e di presidio del territorio nel centro storico e nelle periferie".

Soddisfatto anche il gruppo di Nap-Fdi. "Siamo estremamente contenti perché due ordini del giorno da noi proposti, con le firme di tutto il centrodestra, hanno trovato accoglimento. Il primo riguarda le 'Misure a sostegno dell'economia locale e dei prodotti tipici', prima firmataria Giulia Gambini, per favorire la nuova apertura nel centro della città di attività economiche legate alle tipicità e tradizioni del territorio. Il secondo a favore della genitorialità, primo firmatario Maurizio Nerini, in pratica il famoso 'Bonus bebè' cioè un buono da poter utilizzare nelle farmacie comunali unicamente per l’acquisto di prodotti per l’infanzia: pannolini, latte in polvere, omogeneizzati, medicinali".

Critica invece la posizione di Diritti in Comune che parla di "un bilancio la cui attendibilità non sussiste: infatti, come negli anni precedenti con il centrosinistra, Conti e la Lega danno il via libera ad un piano degli investimenti, che si fonda sulla vendita di patrimonio pubblico per 9 milioni di euro per l’annualità 2019, e così anche per il 2020 e il 2021, totalmente irrealizzabile".

Ma è soprattutto sui temi sociali che si concentrano le critiche di Diritti in Comune. "E' qui che si registrano i tagli più significativi - scrive il gruppo - in particolare sul settore dell’accoglienza e della infanzia. Sulle politiche abitative non si stanzia alcuna risorsa sulle manutenzioni straordinarie delle case popolari, né per recuperare gli alloggi pubblici attualmente vuoti, circa un centinaio, per i necessari lavori di messa a norma".  Nel mirino anche alcuni passaggi del Dup che "sotto lo slogan 'prima gli italiani' - scrive Diritti in Comune - costituiscono veri e propri atti discriminatori, come sancito dalla recente sentenza del Tribunale di Milano sul caso Lodi. La discriminante ancora una volta è tra chi cerca di attuare la Costituzione e i principi in essa contenuti e chi cerca di stravolgerla in tutti i suoi capisaldi".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • art. 1: “la sovranità appartiene al popolo”. Quindi cederla è anticostituzionale. Nessuno ha detto nulla quando è stata ceduta all’Europa senza neanche un referendum? Alto tradimento no?

  • Amedeo.. Niente di peggio di coloro che non vogliono vedere..

  • Solo la miopia delle greggi oggi filo-leghiste non vedono il disegno distruttivo delle posizioni 'prima gli italiani'; che via via diventa un cerchio sempre più stretto, mano a mano che i problemi intorno, creati da questa modalità politica, aumentano. E allora sarà: 'prima il centro-nord', poi ti mollerà il ricco nord e allora saremo a 'prima la Toscana', poi 'prima i pisani' e, perché no, prima Mezzogiorno contro chi dice prima Tramontana... fantapolitica? È solo la logica del nemico, che conduce al tutti contro tutti, dove i più ci rimettono ma, come nelle catene di Sant'Antonio, c'è sempre qualcuno che ci guadagna in barba agli altri. Oggi sono i rom a Ponsacco, domani solo peggio.

    • Se non vale "prima gli italiani" allora gli italiani sono secondi a qualcuno in Italia. Mai irridere del Popolo Sovrano

    • Amedeo, annacqualo

  • Pisa come Lodi? magari.... no, datele ai primi arrivati...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    I Passi: nasce il 'Comitato per la salvaguardia della scuola 'Agazzi''

  • Politica

    Chiusura di una sezione alla scuola 'Agazzi': "L'assessore prende in giro i cittadini"

  • Cronaca

    Centro storico, intervento di Acque: cambia la viabilità di alcune strade

  • Politica

    Partito Democratico, congressi di circolo: a Pisa è Zingaretti il candidato più votato

I più letti della settimana

  • Via Corridoni: principio d'incendio nei locali dell'Agenzia delle Entrate

  • Lanciano liquido contro due passanti da uno scooter in corsa

  • Multata per aver viaggiato con l'auto con targa straniera: "Vittima di ingiustizia"

  • Multe ad auto con targa straniera: prime due sanzioni a Pisa per il 'Decreto Sicurezza'

  • Furti nei parcheggi dei supermercati: fermate due 50enni

  • Peccioli: riapre il parco preistorico dei dinosauri

Torna su
PisaToday è in caricamento