San Giuliano Terme: approvato il Piano operativo comunale a "consumo di suolo zero"

Il via libera nell'ultima seduta del consiglio comunale. Il sindaco Di Maio: "Uno sguardo al futuro della nostra comunità"

Foto d'archivio

La macchina comunale di San Giuliano Terme verso la piena e totale operatività. Via libera dallo scorso Consiglio comunale agli ultimi passaggi per condurre il Piano operativo Comunale alla fase finale. Nello specifico, il Consiglio ha approvato le 297 controdeduzioni alle osservazioni pervenute in seguito all’adozione del piano stesso, il nuovo strumento urbanistico introdotto da una legge regionale di cinque anni fa per definire la programmazione di interventi pubblici nel campo dell’urbanistica e delle politiche paesaggistiche.

"Il nostro - afferma il sindaco Sergio Di Maio - è uno dei primi comuni della provincia ad approvare il Poc acronimo di 'piano operativo comunale'. Ringrazio tutti tecnici comunali ed esterni che hanno lavorato duramente e con grande professionalità per il conseguimento di questo importante risultato".

"Il percorso - prosegue il primo cittadino - ci ha portati a commissionare uno studio sulla pericolosità idraulica realizzato secondo le più moderne tecniche di modellazione idraulica e che ha interessato le frazioni del territorio ancora indietro da quel punto di vista. Sono stati elaborati inoltre modelli idraulici per il canale demaniale, con particolare attenzione alle condizioni di pericolosità dello stesso in corrispondenza delle abitazioni di Orzignano e via di Palazzetto, e per la porzione di territorio compresa tra l’Arno, il già citato canale demaniale e il fiume Morto. Quest’ultimo modello ha permesso di valutare le criticità delle frazioni di Campo, Colignola e Ghezzano, La Fontina compresa, e delle località Carraia e Pontecorvo".

Sono inoltre "state redatte per la prima volta - prosegue Di Maio - le carte delle microzone omogenee in prospettiva sismica e la carta di pericolosità sismica. I quadri di pericolosità idraulica, geologica e sismica hanno permesso l’elaborazione della carta di fattibilità. Mi piace ricordare come il Piano operativo comunale abbia ottenuto i pareri, fondamentali ai fini ambientali, da parte della Regione, dell'ente Parco Regionale Migliarino San Rossore e Massaciuccoli e degli altri enti coinvolti. Abbiamo, inoltre, raggiunto l’adeguamento rurale del territorio, secondo la legge regionale".

"Questo adeguamento - continua Di Maio - ha introdotto semplificazioni per gli adempimenti incombenti su cittadini e imprenditori, snellendo alcune attività amministrative come, ad esempio, le pratiche per i cambiamenti di destinazione d’uso del patrimonio edilizio esistente e la disciplina degli annessi agricoli destinati all’uso amatoriale. La componente più significativa dell’adeguamento riguarda il recupero e il riuso del patrimonio edilizio esistente, con l’individuazione di quote di territorio non utilizzate e la loro redistribuzione a favore delle aree agricole. Importante è stata anche la partecipazione dei cittadini tramite assemblee pubbliche".

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Salute: a Pisa il primo centro clinico proctologico e del pavimento pelvico

I più letti della settimana

  • Luminara 2019: programma, informazioni e misure per la sicurezza

  • Si sente male mentre passeggia in spiaggia: anziana turista trovata morta

  • Torna il cinema sotto le stelle al Giardino Scotto: il programma di giugno

  • Incendio sul Monte Pisano: ancora fiamme

  • A Cascina inaugurato il punto vendita Bricofer

  • Professoressa colpita da ictus: i poliziotti la salvano entrando dalla finestra

Torna su
PisaToday è in caricamento