Cantieri di Pisa: nota congiunta del Sindaco Filippeschi e del Presidente della Provincia Pieroni

"Il curatore Galantini deve riferire alle istituzioni, non è accettabile che si sottragga al confronto"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Le notizie che leggiamo preoccupano per il futuro dei “Cantieri di Pisa". La ricapitalizzazione dei "Cantieri San Lorenzo" darebbe una  prospettiva alle attività liguri, a quanto si apprende. Ma resta oscuro il futuro dell'industria pisana, nonostante il valore del  marchio e le competenze dei lavoratori. Lavoratori che continuano il  presidio e una lotta che va sostenuta. Il dottor Galantini, curatore,  deve riferire alle istituzioni, cosa che non ha fatto negli incontri  promossi dalla Regione Toscana programmati il 28 luglio e il 2 agosto ai quali ha comunicato di non poter partecipare. Non è accettabile che  si sottragga ad un confronto, là dove questo confronto pare in corso  con le istituzioni liguri. Ogni soluzione che si prospetti deve avere il valore di un progetto industriale che salvaguardi i posti di lavoro. Le istituzioni pisane e la Regione prendono perciò una nuova iniziativa, sollecitando precise assunzioni di responsabilità e massima chiarezza rispetto al percorso che ha portato a queste gravi incertezze".

Marco Filippeschi, Sindaco di Pisa
Andrea Pieroni, Presidente della Provincia di Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento