Politiche sociali, Diritti in Comune: "Dietro lo slogan 'prima gli italiani' solo tagli ai servizi"

Il gruppo consiliare contesta varie misure dell'assessorato: "Propaganda che nasconde la mancanza di conoscenze delle necessità della popolazione presenti sul territorio"

E' un attacco generale sulle politiche sociali del Comune di Pisa quello che muove la lista 'Diritti in Comune', che rappresenta le forze politiche di Una città in comune, Rifondazione Comunista e Pisa Possibile. La contestazione di fondo è che dietro il "Prima gli italiani" si nascondano "continui e costanti tagli ai servizi".

Si parte con la "moltiplicazione di Bonus da parte della giunta leghista, per di più distribuiti con criteri spesso palesemente discriminatori come il Bonus Mamma, è l'espediente con cui si maschera la riduzione dei servizi, sostituiti da contributi economici che rappresentano solo uno spreco di risorse; il fatto ancor più grave è però che questo tipo di interventi hanno l'effetto di cronicizzare le situazioni di difficoltà e non incidono affatto sulla riduzione della povertà".

Ci sono poi "tagli" per Diritti in Comune: "Si chiudono progetti importanti ed utili per tutti i cittadini, come dimostrano i numeri dei loro fruitori, quali quello di Spaziobono19 (l'assessore ha parlato di "scelta politica" con diverse misure) e lo storico sportello migranti gestito dalle Associazioni Batik e DIM di Pisa. Decisioni queste che avranno pesanti ricadute negative sulla qualità della vita della nostra città in quanto si tolgono servizi e luoghi che hanno contributo in tutti questi anni a fare cittadinanza".

"Su un tema cruciale come quello delle dipendenze siamo alla pura propaganda - insiste Diritti in Comune - si riduce un importante servizio di inclusione e, al solito grido del 'Prima Gli Italiani', si stanziano 10mila euro per per una sperimentazione del modello San Patrignano. Al contempo non si fa assolutamente nulla per incrementare le risorse destinate ai percorsi riabilitativi e ai progetti di inserimento lavorativo del SERD, strumenti necessari per dare adeguate risposte agli utenti, molti dei quali, ricordiamo, sono italiani. Si procede ancora una volta per spot senza alcuna analisi dei bisogni reali".

Il gruppo parla di 'Profilo della Comunità locale' e 'Profilo di salute', cioè in sostanza sapere le specificità di ogni bisogno: "Da anni nel Comune di Pisa le politiche sociali sono attuate senza una reale conoscenza dei fenomeni, senza una valutazione delle risorse attivabili e senza un’effettiva misurazione degli esiti degli interventi. Come coalizione lo denunciamo da tempo: è necessario investire nella conoscenza dei fenomeni per realizzare interventi adeguati e efficaci. Il sistema dei bonus sono spesso usati dalle amministrazioni per il solo uso propagandistico, ovvero sciorinare elenchi di piccoli bonus una tantum a dimostrazione dell'impegno profuso nel sociale, ma in realtà nascondono una mancanza di conoscenze delle necessità della popolazione presenti sul territorio e rivela l'assenza di una vera e propria rete di servizi sociali di supporto, che invece farebbero un lavoro stabile nel tempo improntato all'autonomia e non un aiuto una tantum per affrontare una povertà che così facendo si dichiara condizione immutabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Prenotazione Cup, servizio sospeso su tutto il territorio

  • 'L'Amica geniale' fa tappa a Pisa e alla Normale: appuntamento in prima serata su Rai 1

  • Liceo Galilei di Pisa: studenti denunciano offese ricevute dai professori

Torna su
PisaToday è in caricamento