Dimissioni Sonetti: membri dell'esecutivo provinciale pronti a seguire l'ex segretario

Alcuni dem hanno annunciato di voler aderire al progetto di Italia Viva. Critico invece il segretario dei Giovani Democratici Sabatino

Si schierano con l'ex segretario provinciale del Pd Massimiliano Sonetti alcuni membri dell'esecutivo provinciale Pd Pisa che "esprimono piena solidarietà a Sonetti condividendo appieno ragioni e motivazioni di dimissioni che riteniamo necessarie seppur doloroso". A parlare sono Irene Consoloni, responsabile coordinamento eletti, aziende partecipate, politiche europee e informazione e segretaria circolo Palaia, Marzia Moisè, responsabile politiche giovanili, Giuseppe Pasqualetti, responsabile enti locali e università e segretario circolo università, e Alberto Porcaro, responsabile sanità sociale e sport.

"Considerando che la direzione presa dal Partito Democratico sia a livello locale, con eccessivi personalismi legati a degenerazioni correntizie, sia a livello nazionale ad esempio su un tema cruciale quale quello della prescrizione in cui non si intravede una presa di posizione netta del Pd a favore della difesa delle garanzie fondamentali dello stato di diritto - affermano gli ormai ex membri del Pd - i sottoscritti hanno, pertanto, deciso di compiere nei prossimi giorni gli opportuni passi per aderire al progetto di Italia Viva avviato nei mesi scorsi dal senatore Matteo Renzi".

Critico invece il segretario dei Giovani Democratici Pisa Oreste Sabatino: "In quanto segretario provinciale dei GD Pisa faccio parte della segreteria del PD, ma ho saputo delle dimissioni e dell'adesione ad Italia Viva di Sonetti dai giornali. Non entro nel merito della decisione, sono scelte personali che rispetto anche se non condivido né la scelta, né la scissione e il progetto di Italia Viva".

"All'indomani della sconfitta di Pisa avevo chiesto in direzione le dimissioni dell'allora segretario Sonetti. Fui uno dei pochi che lo disse in maniera chiara e trasparente all'interno di un organismo dirigente. Niente di personale, era semplicemente una presa d'atto - sottolinea Sabatino - non sono andato sui giornali, né ho partecipato a riunioni dove tutti chiedevano a gran voce le dimissioni del segretario senza però che seguissero mai atti formali in tal senso. La domanda che viene spontanea però è una: Italia Viva è nata qualche mese fa, perché uscire proprio adesso, in piena campagna elettorale per le Regionali e con la partita di Cascina non ancora chiusa? Convenienza o convinzione? La risposta la sapremo quando si presenteranno le liste per le Regionali".

"A questo punto, comunque, il PD provinciale convochi gli organismi e decida nel minor tempo possibile a chi affidare questa fase di transizione - conclude Sabatino - abbiamo perso fin troppo tempo. Gli organismi anche se non sono stati quasi mai convocati sono ancora lì. Basta poco, Pisa e la Toscana non possono aspettare. Le candidature di Eugenio Giani e di Michelangelo Betti a Cascina sono in campo e hanno bisogno del supporto organizzativo e politico del partito pisano e di tutto il centrosinistra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Prenotazione Cup, servizio sospeso su tutto il territorio

  • 'L'Amica geniale' fa tappa a Pisa e alla Normale: appuntamento in prima serata su Rai 1

  • Liceo Galilei di Pisa: studenti denunciano offese ricevute dai professori

Torna su
PisaToday è in caricamento