Coronavirus: "Necessario mettere in sicurezza chi vive e lavora nei centri di accoglienza"

E' la richiesta fatta al Prefetto di Pisa da Diritti in Comune con una lettera inviata all'ente di Piazza Mazzini

Mettere in sicurezza le persone che vivono e lavorano nei centri di accoglienza. E' la richiesta fatta al Prefetto di Pisa da Diritti in Comune con una lettera inviata all'ente di Piazza Mazzini. "Da giorni le misure restrittive per arginare la diffusione del Covid-19 impongono, giustamente, di restare a casa ed evitare assembramenti e luoghi affollati. Da alcune zone di Italia arrivano però preoccupanti descrizioni della situazione in alcuni centri di accoglienza, su cui è necessario intervenire per il bene delle persone direttamente coinvolte e della salute pubblica".

L'aspetto critico, secondo Diritti in Comune, riguarda in particolare la questione del sovraffollamento. Il tutto mentre "giunge la notizia del primo migrante positivo al coronavirus in un CAS di Milano, evento che impone alla città una riflessione urgente e un intervento rapido, in un contesto già particolarmente difficoltoso". Rispetto ad altri territori "in Toscana - prosegue Diritti in Comune la situazione è certamente diversa. Da anni il sistema punta su una accoglienza diffusa, in appartamenti. Anche se in alcuni territori, come quello di San Giuliano Terme, operano CAS con presenze e concentrazioni ben più consistenti. Abbiamo scritto in questi giorni al Prefetto di Pisa cercando di capire quali provvedimenti siano stati presi, o siano sotto esame, per intervenire nel nostro territorio per mettere in sicurezza il sistema dell’accoglienza. Purtroppo non abbiamo ancora ricevuto nessuna risposta".

"Pensiamo a misure semplici - prosegue Diritti in Comune - come quella di suddividere in strutture di accoglienza più piccole e meno numerose le persone presenti in strutture più grandi. Occorre tenere anche conto che molti degli ospiti continuano a lavorare, in quanto fanno parte del tessuto produttivo del nostro territorio: il loro ritorno in luoghi con molte persone andrebbe accuratamente evitato. Sarebbe importante avere rassicurazioni su un blocco delle uscite dai percorsi d'accoglienza per mancato riconoscimento della protezione umanitaria o di altra forma di protezione internazionale, in analogia a quanto deciso dal Governo col blocco degli sfratti. Per rendere praticabile l''io resto a casa', una dimora bisogna averla!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Diritti in Comune per tutelare operatori e operatrici dell’accoglienza, gli ospiti dei centri e la salute pubblica "è importante che si prevedano rimodulazioni dei servizi. Lo scopo è evitare il più possibile contatti con gli ospiti che, ricordiamolo se mai ci fosse bisogno, sono richiedenti asilo regolarmente presenti sul territorio. Infine, è fondamentale che gli operatori e le operatrici dell’accoglienza, vista la natura del loro lavoro svolto nell’ambito di un bando dalla Prefettura, siano dotati/e dei minimi presidi per la protezione individuale, in un momento in cui tali presidi sono difficilmente reperibili. Confidiamo in una rapida e positiva risposta del Prefetto di Pisa alle nostre richieste di intervento, per il bene di tutte e tutti, a partire da chi vive e lavora nel sistema dell’accoglienza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

  • Coronavirus: 175 nuovi casi in Toscana, il numero dei guariti supera i deceduti

Torna su
PisaToday è in caricamento