Riparte la sanità, ma ci sono disagi: "Caos ai Cup, errore non aumentare gli organici"

Il Capogruppo regionale di Forza Italia Maurizio Marchetti: "Segnalazioni di disagi degli utenti con la ripresa delle attività e la prevedibile maggiore richiesta"

"Ci voleva un genio per prevedere che dopo lo stop alle prestazioni sanitarie ordinarie imposto dall’emergenza coronavirus, i Cup sarebbero stati sovraccaricati di richieste di accesso vecchie e nuove? Bisognava che Regione e Asl implementassero gli organici. Anche in via temporanea. Avrebbero risparmiato ai pisani il caos e le odissee telefoniche a cui sono costretti oggi. Invitare a utilizzare internet taglia fuori tutta la fetta di popolazione più anziana e fragile". E' quanto afferma il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti, in base a segnalazioni ricevute dai cittadini e pubblicate da cronache locali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La giunta toscana Pd e Iv si è dimostrata costantemente incapace di guardare oltre al proprio pinocchiesco naso - continua Marchetti - l’emergenza generata dal Covid-19 non ha fatto che aggravare la situazione, producendo come esito una ricorsa del contingente tradottasi in un florilegio di ordinanze regionali. Nulla di strategico. Tutto tattico. E di questa condotta al perenne inseguimento della realtà pagano il conto tutti. Era evidente che dopo un blocco di mesi i cittadini avrebbero dovuto riprogrammare le loro routine di visite ed esami, ma nessuno ha pensato ad aumentare almeno in via transitoria gli operatori del Cup. Così adesso i lavoratori di front-office sono stremati, e gli utenti sono legittimamente imbelviti. Gli uni non riescono a vuotare il mare di bisogni col loro cucchiaino telefonico, gli altri non riescono dopo mesi ad ottenere la cura o la valutazione di cui necessitano. Il tilt è servito. I cittadini non si meritavano di dover sopportare anche questo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Consegna a domicilio di cocaina: in manette due fratelli pusher

  • Coronavirus, sette nuovi casi: nessun positivo in più a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 19 nuovi casi, ultimo paziente in terapia intensiva

Torna su
PisaToday è in caricamento