Si discute il programma di mandato del sindaco: sarà protesta sotto al Comune

Convocato un presidio da 'Diritti in Comune' martedì pomeriggio, che contesterà l'amministrazione al fine anche di "costruire l'alternativa per Pisa"

Diritti in Comune, la coalizione della sinistra formata da Una Città in Comune, Rifondazione Comunista e Possibile, ha convocato un presidio cittadino davanti il Comune domani 18 dicembre, dalle ore 16, in coincidenza con la discussione in Consiglio Comunale del Programma di mandato del sindaco Conti.

"Nei primi sei mesi di governo - scrive la lista - l'amministrazione leghista ha mostrato chiaramente qual è la sua idea di città e di 'cambiamento': un cambiamento che, rispetto al governo di centro-sinistra non c'è affatto, ovvero è un cambiamento in peggio. Questa giunta non difende affatto gli italiani, come pure spesso dice, ma difende gli interessi dei gruppi economici più forti: porta avanti gradi opere inutili e costose come la tangenziale Nord-Est, non combatte la grande evasione fiscale, non interviene su questioni di interesse collettivo come il buco di bilancio del People Mover o le condizioni salariale e di lavoro all’aeroporto". 

L'attacco è su più fronti, dall'ambiente al sociale: "Credendo di aiutare il commercio, questa giunta aumenta l'inquinamento in città: consente parcheggi gratuiti sotto Natale invece di incentivare trasporto pubblico e mobilità in bicicletta o a piedi, e non interviene per ridurre i sorvoli rumorosi degli aerei sulla città. Ma soprattutto accresce le diseguaglianze, tagliando le politiche sociali e non finanziando la ristrutturazione e manutenzione degli alloggi popolari, e fa la guerra ai poveri invece che alla povertà".

La Giunta avrebbe fino ad ora "portato avanti provvedimenti ideologici e propagandistici, pericolosi sul piano del rispetto dei diritti e della non discriminazione: afferma un'idea miope di sicurezza attraverso ordinanze e divieti che svuotano gli spazi pubblici invece di ricostruire socialità e cultura; vuole discriminare gli stranieri e i nuovi residenti nell'accesso a vari servizi; propaganda il maschilismo, l'omofobia e l'islamofobia; mina il principio di laicità dello Stato, nonché l'autonomia scolastica, imponendo l'esposizione del crocifisso; attacca le associazioni non allineate, riduce gli spazi di partecipazione e minaccia di sgombero realtà autogestite importanti come la Mala Servanen Jin in via Garibaldi".

Per 'Diritti in Comune' "c'è un'altra Pisa, popolare, solidale, laica, femminista, ambientalista, plurale, che in questi mesi si è a più riprese mobilitata e che intende difendere i diritti e la pari dignità sociale di tutte e tutti contro i violenti attacchi di questa giunta. Per questo invitiamo tutte e tutti quelli che vivono e lavorano a Pisa, i comitati, le associazioni, i movimenti, i sindacati a unire le loro voci e le loro lotte animando un presidio cittadino: respingiamo il programma di mandato della Lega e costruiamo l'alternativa per Pisa!".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Non condivido come sta agendo il sindaco,ma il crocifisso a scuola c'è sempre stato. Chi non è d'accordo si organizzi.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Capodanno Pisano: la città è entrata nel 2020

  • Cronaca

    Bottiglia in testa mentre passeggia in centro: ferita una ragazza

  • Cronaca

    Vento forte a Pisa e in Toscana: allerta meteo arancione

  • Cronaca

    Morte del 24enne pisano a Varsavia: si indaga per istigazione al suicidio

I più letti della settimana

  • Via delle Torri, incidente tra due auto: una finisce ribaltata

  • Meteo, primavera già finita: tornano freddo e vento

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 23 e 24 marzo

  • "Sono incinta": l'annuncio di Susanna Ceccardi per la festa del suo compleanno

  • Palaia: perde il controllo della macchina e finisce in una scarpata

  • Montescudaio: 67enne perde la vita schiacciato dal trattore

Torna su
PisaToday è in caricamento