Aeroporto e caos Pisa Mover, Zippel: "Stando violentando il Galilei"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

"L’amministrazione comunale sta perpetrando una violenza psicologica nei confronti delle aziende e dei lavoratori dell’aeroporto. Tutto questo è inaccettabile". A parlare è Maria Chiara Zippel, candidato sindaco per la lista civica 'La Nostra Pisa'. Zippel, poi, commenta l’ordinanza che, dal 19 aprile scorso, ha interdetto l’accesso degli autobus in aeroporto. Sono state vietate inoltre le navette interne all’area aeroportuale, che
assicurano il trasferimento tra il terminal, il parcheggio remoto e il terminal autonoleggi.

"I passeggeri sono costretti a camminare per diversi chilometri lungo via della Cariola, con tanto di bagagli al seguito. È una mancanza di rispetto clamorosa per chi frequenta lo scalo pisano. Serve un intervento concreto e rapido - dice ancora Zippel - perché la situazione è davvero paradossale". Con oltre 5 milioni di passeggeri, l’aeroporto di Pisa è il numero uno in Toscana. "Le mosse dell’amministrazione sono evidentemente mirate a depotenziare il Galilei, così da favorire il fiorire e la crescita di altri aeroporti, in Toscana e non solo. Abbiamo un’eccellenza infrastrutturale sul nostro territorio, che viene lapidata a colpi di decisioni incomprensibili - prosegue Zippel, che poi illustra la sua proposta - togliere gli autonoleggi dall’aeroporto per portarli nella zona del Pisa Mover, in modo da liberare spazi all’interno dello scalo. Così facendo ci sarebbero i margini e i locali per potenziare il Galilei, per renderlo ancora di più un fiore all’occhiello della nostra città, della nostra provincia e della nostra regione".

Zippel chiude con una riflessione: "Chi sta maltrattando l’aeroporto di Pisa o non ha capito il suo valore, o è in malafede. Rischiamo di farci soffiare lo scalo da Firenze. “La Nostra Pisa” metterà in campo ogni tipo di azione per far sì che ciò non avvenga e che l’aeroporto di Pisa continui a essere un gioiello per la collettività. Noi stiamo dalla parte dei pisani, noi stiamo dalla parte di chi vuole bene all’aeroporto".

I più letti
Torna su
PisaToday è in caricamento