Piazza Carrara piena per Salvini: "Elezioni di Pisa messaggio all'Europa"

Il leader leghista e Ministro dell'Interno ha affrontato vari temi invitando al voto per Conti: "Pisa o cambia ora o mai più"

Foto dalla pagina Facebook di Michele Conti sindaco

Una Piazza Carrara gremita di gente ha ascoltato ed applaudito il leader della Lega e Ministro dell'Interno Matteo Salvini, la sera del 22 giugno, ultimo atto della campagna elettorale per il prossimo ballottaggio di domenica. 

Salvini, a ruota libera, ha affrontato principalmente temi nazionali, calati poi sul locale con l'invito al voto per Conti. Sull'accoglienza: "Chi scappa dalla guerra avrà casa mia come casa sua. Ma i rifugiati sono pochi. Chi viene e spacca la faccia ad un commerciante, deve essere buttato fuori. Chi accoglie dice che lo fa per bontà, ma invece ci guadagna. E visto che li accolgono perché sono buoni, sto lavorando per tagliare i 35 euro al giorno che si portano a casa. Li accoglieranno anche se ci guadagneranno meno. Qualche dubbio ce l'ho". Sempre sul tema sicurezza è tornato sulla sua dichiarazione criticata della 'schedatura dei rom': "Non mi interessa della schedatura, ma controllare che i rom paghino le tasse, come tutti i cittadini".

Sulla situazione politica e la campagna elettorale pisana: "Conti e Pisa hanno fatto un miracolo... sono venuti Veltroni, che era sparito chissà dove, Gentiloni e Martina. Chi è che non si è fatto vedere, chi è l'unico toscano che ha avuto vergogna? Avete indovinato, Renzi. Scegliete Conti, perché il prossimo che mandiamo a casa è Rossi".

"Mi piacerebbe avere un sindaco - ha proseguito Salvini - che non lasci la città in mano a sbandati che spacciano e creano degrado. Non faremo i miracoli. Ci continuerà ad essere chi spaccia, ruba e picchia. Ma chi sbaglia, pagherà. I due immigrati che hanno aggredito De Nigris... uno non possiamo espellerlo perché è sposato con una pisana incinta. Se si mollano lo possiamo espellere. Per il Carabiniere aggredito, ho tenuto a dire che il Ministro è con loro, con tutte le forze dell'ordine, come anche la Polizia Penitenziaria, meno pagata e che deve lavorare in condizioni difficili. Non ci metteremo poco a sistemare, ma ci lavoriamo".

Sul governo: "In queste prime tre settimane di lavoro con i 5 Stelle ho trovato gente seria, preparata e che ha la voglia di cambiare questo Paese. Li conoscevo poco, ma ora spero di lavorare tanto con queste persone, parliamo la stessa lingua. Quindi sì a riforma delle pensioni e lasciar lavorare le persone, basta burocrazia e complicare la vita alla gente. Lo Stato deve intervenire poco e bene". 

Sul tema lavoro, che poi diventa integrazione: "Ai tempi dei nostri genitori si facevano figli più giovani, ma perché? Perchè lavoravi con contratti decenti da 22 anni, ora parti se va bene 28 con lo stage. La sinistra ha pensato di portare i 20enni direttamente dai barconi. Noi stiamo portando via da casa loro i loro migliori ragazzi, io voglio invece che restino là a dare il loro contributo. A me importa la cultura locale, l'identità. Non voglio che i nostri figli crescano senza radici. Io do rispetto a chi porta rispetto, ma a chi non piace quello che siamo, dico torna a casa tua".

Su questo filone per Salvini "l'urgenza della sinistra sembra essere fare una moschea. Ognuno è libero di pregare quello che vuole, ma finché l'Islam non riconosce i diritti delle donne, io la moschea non te la faccio fare". 

Alla fine il richiamo al ballottaggio di Pisa: "Con questa elezione non c'è solo il cambiamento di Pisa. Qua stanno guardando da tutta Europa. Se si vince qua, i 'compagni' fanno le valigie. Perdono le poltrone". "Spero di tornare - ha aggiunto Salvini - per fare un comizio nella piazza più grande di Pisa, e non con tutta questa Polizia, che deve tenere a bada 4 sfigati dei centri sociali". "Se il sindaco di Pisa avrà bisogno, chiunque sia - ha concluso - come Ministro dell'Interno ci sarò. Chi chiede più polizia ora, dico: ma dove eravate gli ultimi anni, che comandavate tutto? Siamo qui da 3 settimane, dateci tempo. Adesso o mai più è il cambiamento, se Pisa non cambia ora, non lo farà mai più".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 9 e 10 novembre

  • Sciopero benzinai per due giorni, tutto confermato: orari e motivi della protesta

  • Lungarno Mediceo, pub pericoloso per l'ordine pubblico: chiuso (ancora) per 20 giorni

  • Via Caruso: incendio nella facoltà d'Ingegneria

  • Forti temporali in arrivo: allerta meteo arancione

  • I consigli per pulire i termosifoni e farli funzionare meglio

Torna su
PisaToday è in caricamento