I candidati sindaco interpellati su nuovo distributore a Cisanello

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Trasmettiamo la lettera inviata a tutti i candidati sindaco (con esclusione di Paolo Casole di cui non è stato reperito l'indirizzo mail) dal nostro gruppo "Cittadini di Pisa per l'Ambiente".

Nel dicembre 2016 è stata chiusa la convenzione della lottizzazione "Le Torri" a Cisanello, con una transazione fra il lottizzante e il Comune di Pisa, in modo illegittimo cioè con l'esclusione dei proprietari degli immobili del complesso residenziale, in violazione dell'art. 17 dello stesso Accordo. Non è stato quindi loro permesso di rivendicare l'inviolabilità della fascia verde in fregio alla strada facente parte dello stato di diritto dei fabbricati e che aveva, in quanto tale, esaurito ogni sua capacità edificatoria. La condotta meschina dell'Amministrazione Comunale di Pisa, che ha preferito stravolgere i patti per non spendere la misera somma di 100.000 euro, ha consentito così l'installazione del distributore Economy in zona inviolabile e destinata a verde pubblico, con danno tangibile per gli abitanti del complesso residenziale sotto il profilo dell' inquinamento atmosferico ed acustico, della salute e del valore degli immobili Tutto ciò premesso e contestato, Le chiediamo quindi quali azioni intenda intraprendere per arrivare ad una soluzione soddisfacente per noi cittadini, profondamente lesi nel sacro e santo diritto alla salute, nel rispetto del verde giuridicamente a noi attribuito, senza alterazioni ambientali e immissioni acustiche, con la restituzione del valore economico del nostro patrimonio immobiliare allo stato anteriore all'insediamento di questa opera nefanda. L'amministrazione uscente ha agito, secondo noi, nella dimenticanza di tutti i principi sopra enunciati, sacrificando totalmente il bene dei cittadini. La questione è poi di stretta rilevanza anche per le decine di lottizzazioni ancora sospese, per cui è lecito chiederle quale strategia intenda adottare perché vengano gestite nel pieno rispetto dei diritti dei cittadini. Certi di una Sua risposta e di un interesse a questa problematica essenziale per una “buona vita”, La salutiamo cordialmente.

I più letti
Torna su
PisaToday è in caricamento