Elezioni comunali a Pisa: i Giovani Democratici sulla sconfitta del Pd

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La vittoria del centrodestra a Pisa ha segnato un punto di non ritorno per il Partito Democratico della città.
La proposta di governo portata avanti dal candidato Andrea Serfogli e da tutta la coalizione non è riuscita a coinvolgere quella maggioranza di cittadini necessaria a confermare il centrosinistra a Pisa. Nonostante la sconfitta, un ringraziamento sentito è dovuto ad Andrea e a tutti coloro che si sono impegnati notte e giorno in questa difficilissima campagna elettorale.

La sconfitta di Pisa si lega a quelle di Massa e Siena, e segna un momento di difficoltà per il nostro Partito in Toscana, che richiede non solo approfondite riflessioni, ma anche un’azione senza precedenti della classe dirigente del PD per tornare ad essere forza di governo nelle nostre città.
Il Partito Democratico ha perso non solo per l’exploit della Lega, ma anche per l’incapacità di incarnare il cambiamento e il rinnovamento, nelle idee prima che nelle persone. La crisi del centrosinistra non è solo locale, e molto dovrà essere fatto a livello regionale e nazionale per ritrovare credibilità, entusiasmo e senso di comunità.

In questo difficile percorso i Giovani Democratici porteranno avanti le battaglie necessarie per far tornare il PD forza di governo nella città e nel Paese. L’elezione di Matteo Trapani a Pisa e di Francesco Petri a Santa Maria a Monte sono ottimi risultati da cui ripartire, perché sono il frutto del grande lavoro svolto dai GD, e rappresentano il punto di partenza dal quale progettare il futuro.
È giunto il momento di rimboccarsi le maniche e tornare a lavorare per il bene delle nostre comunità.
I più letti
Torna su
PisaToday è in caricamento