"Scelgo di staccarmi da Pisa nel Cuore"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Come sapete, quando è iniziata questa mia avventura politica, ho sempre sostenuto con voi l’idea di appoggiare il centrodestra unito come unico possibile baluardo contro il sistema di potere del PD che da troppo tempo amministra disastrosamente PISA e che ha prodotto danni inenarrabili sotto gli occhi di tutti.

L’obiettivo, infatti, oltre a quello di raggiungere un’intesa sul nome del candidato sindaco, è sempre stato quello di pensionare definitivamente questa amministrazione per sostituirla finalmente con un governo di centrodestra che potesse restituire ai cittadini la soddisfazione di riappropriarsi della loro città, bella, sicura e vivibile.

In questo ultimo anno ho lavorato a questo scopo collaborando, come sapete, con la lista civica “Pisa nel Cuore” di Raffaele Latrofa, poiché entrambi condividevamo le strategie e gli obiettivi che avrebbero portato in un’unica direzione: trovare un candidato sindaco condiviso che potesse unire il centrodestra.

Naturalmente, come tutti voi, anch’io nutrivo la speranza che i partiti del Centrodestra potessero, alla fine, decidere di sostenere Raffaele Latrofa come sindaco, date le sue capacità e le sue qualità. Ma questa scelta non c’è stata purtroppo.

Mentre era ancora in corso la campagna elettorale per le elezioni politiche, poiché i partiti del centrodestra esitavano a trovare una persona che potesse rappresentare al meglio la coalizione, il responsabile di “Pisa nel Cuore” decideva autonomamente di candidare se stesso per la corsa a Palazzo Gambacorti, senza tenere conto dell’opinione dei suoi potenziali alleati, sperando così di “smuovere le acque” nel centrodestra, ma dichiarandosi disposto a retrocedere qualora questi avessero trovato un accordo.

Ebbene, questo accordo è arrivato con il nome dell’attuale candidato sindaco del centrodestra Michele Conti, ma il “passo indietro” di Raffaele Latrofa no: “Pisa nel Cuore” continua il suo percorso in solitario, divenendo di fatto, almeno per il primo turno, un avversario/concorrente del Centrodestra.

Ovviamente, e questo è stato oggetto di un’animata discussione con il leader della lista civica, io non posso assolutamente condividere questa scelta. Ho lavorato per oltre un anno a un obiettivo che è stato finalmente raggiunto, ho messo la faccia e speso parole con tante persone che mi hanno dato fiducia e non voglio, non devo in nessun modo deludere le loro aspettative. Voi mi avete sostenuto e incoraggiato e credo che il minimo che vi debba sia un po’ di coerenza.

Da queste considerazioni la mia scelta di staccarmi, pur confermando la stima e il rispetto che nutro per lui, da Raffaele Latrofa e dalla sua lista civica perché penso che, in questo momento, sia doveroso nei confronti vostri e perché ritengo che politicamente sia la scelta giusta. Dobbiamo tutti insieme sostenere questo centrodestra che può regalare a Pisa un futuro migliore e ai suoi cittadini la speranza di avere finalmente degli amministratori degni di questo nome, concreti ed affidabili. Soprattutto non possiamo far correre alla coalizione di Centrodestra il rischio di non arrivare al ballottaggio e vedere Palazzo Gambacorti conteso tra PD e M5S

Io continuerò la mia battaglia nel solco tracciato fin dall’inizio, fianco a fianco con le persone che per la città vogliono il meglio, credo di avere molto da dare, in termini di impegno e dedizione e sarò a disposizione di chiunque mi chieda un contributo.

I più letti
Torna su
PisaToday è in caricamento