San Giuliano Terme: scuola, ambiente e sicurezza al centro del programma di Di Maio

Presentati i punti programmatici su cui la coalizione intende apoggiare l'azione di governo dei prossimi 5 anni

Nella foto, da sinistra: Marco Balatresi (Democratici Riformisti Insieme per San Giuliano Terme), Matteo Cecchelli(Partito Democratico), Iacopo Cambi (portavoce della coalizione), Sergio Di Maio (candidato a sindaco della coalizione), Lucia Scatena (Sinistra Unita per un'altra San Giuliano), Sandro Petri (lista civica San Giuliano Terme Futura)

La coalizione di sinistra e centrosinistra che sostiene la candidatura sindaco di San Giuliano Terme di Sergio Di Maio oggi, 13 aprile, ha presentato il programma che la porterà verso le elezioni del prossimo 26 maggio e che costituirà la base su cui poggerà l’azione di governo dei prossimi cinque anni.

"Scuola, ambiente, cultura, legalità, solidarietà, servizi, sicurezza e sviluppo - ha affermato Di Maio - sono le parole chiave del programma condiviso da tutte le forze politiche che compongono la coalizione. Ringrazio chi ci ha lavorato nei tavoli programmatici e tutti i cittadini che hanno partecipato con idee e suggerimenti. Dopo aver messo in sicurezza il bilancio, siamo pronti a investire ancora di più e ancora meglio rispetto a quello che è stato comunque fatto, certo non poco. Ci sono tutte le condizioni e sappiamo come farlo. E sarà possibile solo grazie all’impegno di tutte le forze della coalizione nella campagna elettorale in cui stiamo per entrare uniti, con entusiasmo e voglia di fare".

Soddisfatto anche Iacopo Cambi, portavoce della coalizione: "L’accordo politico e i tavoli programmatici sono stati un’esperienza di condivisione arricchente e nel programma credo lo si avverta molto bene. Sarà compito di ciascun candidato della coalizione di sinistra e centrosinistra raccontare il programma ai cittadini in campagna elettorale e convincerli che abbiamo costruito un progetto serio e inclusivo, che rappresenta tutte le sensibilità della coalizione ed è in grado di rispondere ai bisogni e ai problemi più diffusi".

I punti programmatici

Tra i punti programmatici l'attenzione all’ambiente che si declina nel miglioramento della qualità della raccolta differenziata e nella riduzione generale della produzione di rifiuti. Ma anche nella lotta all’abbandono e all’inciviltà e nella cura dei Monti Pisani, ad esempio per quel che riguarda il rischio idrogeologico e la prevenzione. Il programma mette al centro anche i beni comuni e la loro valorizzazione, che passa dal recupero del patrimonio edilizio esistente per fini, ad esempio, culturali e aggregativi.

Legalità, memoria e cultura resteranno saldamente legate al mondo della scuola. Proseguirà anche l’ammodernamento e la messa in sicurezza dei plessi scolastici. Per il diritto alla casa e il sociale, due le proposte da sottolineare, tra le altre: co-housing e volontariato cosiddetto 'di prossimità'. La società partecipata Geste dovrà ulteriormente aprire il proprio capitale ai comuni limitrofi per la gestione associata dei servizi, come la manutenzione del verde pubblico, il trasporto scolastico e la somministrazione di pasti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 19 e 20 ottobre

Torna su
PisaToday è in caricamento