INTERVISTA | Elezioni comunali a Volterra, Roberta Benini: "Ora, per domani, insieme"

L'avvocato 45enne si candida a sindaco sostenuta dalla lista civica 'Per Volterra'

In vista delle elezioni amministrative del prossimo 26 maggio, qualche domanda a Roberta Benini, candidata sindaco della lista civica 'Per Volterra'.

1) Presentazione del candidato

"Sono Roberta Benini, ho 45 anni e mi descrivo come una volterrana innamorata della propria città. Sono avvocato civilista e penalista che crede nel potenziale dell'essere una comunità. Esprimo la volontà di un movimento civico proveniente dalla società civile e non dalla politica. Per questo non abbiamo apparentamenti con nessun partito o lista".

2) Come è nata e che obiettivi ha la sua candidatura?

"Ho scelto di candidarmi perché credo che possiamo essere partecipi e proattivi per contribuire a scegliere il futuro del nostro territorio. Credo molto nella partecipazione e ho deciso di non essere solo una parte attiva della società ma anche di prendere parte diretta alla sua amministrazione. Vedo nella scelta civica un modo per fare veramente gli interessi del territorio, senza preclusioni per nessuno e senza preconcetti verso posizioni prese o da prendere pro o contro l'indirizzo di un partito o dell'altro. L'obiettivo principale è fare gli interessi del territorio, di questi cittadini. Per questo dobbiamo puntare a mettere Volterra al centro della nostra azione, conferendogli quell'importanza che gli deriva dall'essere al centro della Toscana".

3) Quali sono le priorità del suo programma elettorale?

"Dal primo giorno ho parlato di servizi ed infrastrutture. Mantenere e rilanciare sono le nostre parole chiave. Mantere e rilanciare i servizi che già ci sono, a partire da: Ospedale - attraverso la proposizione di un unicum tra ASL, Inail, Auxilium Vitae, Rems, sanità penitenziaria e Azienda Servizi alla Persona S. Chiara; Scuola, con l'implemento dei 7 percorsi formativi già presneti in zona verso indirizzi linguistici, musicali, archeologici e verso una formazione professionalizzante; Istituto Penitenziario, Banca, che deve mantenere la sua autonomia; Poste, che devono rimanere presenti su tutto il territorio; Pro Volterra e Ufficio Turistico; ma anche Teatro che deve diventare sempre più un punto centrale dell'offerta diversificata di zona, e Cinema.

E poi le infrastrutture: finire il tratto della 68 dall'attuale cantiere fino al bivio di Mazzolla o addirittura a Roncolla, collaborando con Anas per dare seguito a quella che i Comuni di Volterra, Casole e San Gimignano hanno già individuato come priorità, che dovrà essere proiettata anche verso Colle Val d'Elsa; risolvere i punti critici della 439 assieme ai Comuni geotermici, sviluppando l'asse della produzione che porta a Pontedera; risolvere le criticità della 439 dir..
A questo aggiungo la possibilità di sviluppare uno scalo merci che serva le aziende di zona. Volterra deve essere attrattiva per chi ci risiede già, per chi vuole venirci ad abitare e per chi vuole investirci lavorativamente, sviluppando in questo territorio non solo i lavori classici dedicati ad industria, artigianato e agricoltura, ma anche i lavori attuali e del futuro, proiettati al mondo digitale".

4) Tre parole che caratterizzerebbero il suo mandato?

"Concretezza, determinazione e partecipazione. Tutto racchiuso nel concetto di 'Per Volterra': ora, per domani, insieme".

Potrebbe interessarti

  • Piscine all'aperto a Pisa e provincia: relax, refrigerio e divertimento

  • Cambiare le lenzuola del letto è importante: vi spieghiamo perché

  • Formiche in casa: i rimedi per allontanarle

  • Solstizio d'estate: quando astronomia e riti magici si uniscono per celebrare la bella stagione

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte in superstrada: morti due giovani

  • Autostrada A4, camper tampona un tir: morto 42enne pisano

  • Maxi-incidente in superstrada: un morto e cinque feriti

  • Taglio del nastro per il nuovo supermercato Lidl di Pisa

  • Incidente in superstrada: morte due donne

  • Lavoro: all’Università di Pisa si cerca un tecnologo

Torna su
PisaToday è in caricamento