Elezioni comunali a Pontedera, Matteo Franconi: "Ecco come e perchè partecipo alle primarie del 3 febbraio"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

"Questa mattina ho presentato la mia candidatura per le primarie del centrosinistra che si svolgeranno domenica 3 Febbraio.
Ho dato la mia disponibilità a intraprendere questo percorso animato da tre emozioni: l'amore per Pontedera, il senso di responsabilità per l'impegno e la profonda umiltà con cui mi appresto a svolgerlo.
Ringrazio il Partito Democratico che all'unanimità ha fatto il mio nome chiedendo di rappresentare il perimetro delle idee, dei valori e delle competenze che in tutti questi anni quella comunità di donne ed uomini hanno messo al servizio di Pontedera. Ringrazio tutte le persone, davvero tante, che pure al di fuori degli ambienti della politica attiva mi hanno contattato manifestando la propria voglia di darmi una mano e supportarmi con l'energia bella del proprio entusiasmo.
Cercherò di portare rispetto a questa dimostrazione di stima e fiducia senza fare proclami roboanti ma secondo un metodo, un modo di essere e di fare.
In primo luogo attraverso l'utilizzo del pronome personale "noi", di cui sento un grande bisogno nei modi e nei toni della discussione pubblica: solo insieme, solo grazie al confronto ed allo scambio con gli altri è possibile progettare e costruire con serietà e lungimiranza un pensiero ed una strategia che diventa azione collettiva.
In secondo luogo attraverso l'ascolto attento delle parole, dei suggerimenti e delle istanze della città e dei pontederesi: aver voglia di ascoltare davvero gli altri è la precondizione per poter comunicare qualcosa a tutti.
Infine, sempre riguardo al "come", vivendo questa campagna per le primarie nell'ottica di mettere a disposizione di un progetto comune tutto il bagaglio di esperienza e competenza che ho ed abbiamo maturato in questi anni grazie all'insegnamento delle persone che mi hanno arricchito ed aiutato a crescere.
Parteciperemo a questa occasione di confronto aperto con la città al servizio delle necessità e dei bisogni che raccoglieremo tra la gente, dentro il tessuto produttivo e commerciale, all'interno dei quartieri, delle frazioni e della nostra meravigliosa rete associativa. Lo faremo guidati dall'unica stella polare che potrà aiutarci in questa navigazione: elaborare un progetto serio di azioni e cose concrete da proporre a Pontedera, una proposta rinnovata di sviluppo della nostra bellissima città ancorata alla forza dei valori e della storia che può vantare la comunità che la vive.
Ho appreso che il raggruppamento civico "Pontedera in comune" ha presentato la candidatura di Eugenio Leone. Conosco bene il suo impegno e la sua correttezza istituzionale e già da adesso garantisco che in questo percorso verso il 3 febbraio non sarà mai considerato un avversario ma sempre, pur dentro le differenze che accompagneranno il confronto, un compagno di viaggio a cui riserveremo collaborazione e lealtà.
Per quanto ci riguarda affronteremo questa occasione di democrazia e partecipazione con alcune precise consapevolezze.
C'è un capitale da valorizzare oltre le criticità.
C'è molto da portare avanti e da sviluppare partendo da quello che abbiamo ostinatamente messo in campo.
C'è una storia nuova da scrivere ed un faticoso lavoro da compiere per rendere questa città ancor di più all'altezza delle aspettive che in essa vi ripongono i nostri giovani ed i nostri figli."

Torna su
PisaToday è in caricamento