+Europa Pisa: "Su Canapisa sconfitta politica del sindaco Conti e della Lega"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Un antico proverbio recitava: chi è causa del suo mal pianga se stesso! Non esiste una frase che meglio possa sintetizzare la situazione in cui l’attuale amministrazione ha fatto precipitare la nostra povera città!!  

Infatti dopo aver letto e ascoltato le continue dichiarazioni dell’On. Ziello, che asseriva: “Canapisa non si farà”, del Sindaco di Pisa che aveva definito il “no a canapisa” una scelta politica e aveva promesso un suo impegno in prima persona ad impedire lo svolgimento dell’iniziativa,  sia in campagna elettorale nel 2018, sia una volta insidiata la sua amministrazione,  per non parlare  dei moniti del Ministro degli Interni Matteo Salvini , sul ponte di mezzo un anno fa , durante il tour per le amministrative e in giorni recenti, il risultato, nonostante le promesse della lega, è il seguente: Canapisa si svolgerà regolarmente! 

In merito allo svolgimento della manifestazione  abbiamo grandi perplessità sulla attuale soluzione varata dal comitato di sicurezza e ordine pubblico, di cui fa parte anche il Sindaco di Pisa Michele Conti.

Avremo migliaia di persone che non defluiranno più per la città, andando man mano a scemare, ma ci sarà un presidio fisso di migliaia di persone a bivaccare, in una location probabilmente inadeguata dal punto di vista strutturale e degli importanti servizi presenti, durante uno dei più importanti week end di primavera, una giornata caratterizzata da shopping e presenze turistiche con il risultato finale di un danno di immagine e del tessuto commerciale della città! 

Se consideriamo che a distanza di cento metri sarà presente una contro manifestazione organizzata dal Sindaco e dalla Lega , in antitesi con il presidio di Canapisa, ci viene da pensare se non ci siano grosse lacune a questa organizzazione messa in piedi dal comitato di sicurezza e ordine pubblico che possono causare disordini e danni ulteriori alla nostra città. 

Ma la cosa peggiore a cui credevamo si non dover mai assistere è vedere un sindaco che manifesta contro se stesso: lui membro del comitato per l’ordine e la sicurezza, che è lo stesso organo che autorizza e organizza lo svolgimento  della manifestazione Canapisa, contro la quale lui scende in piazza. Non era meglio dopo essere stato sconfitto su tutta la linea, per salvare almeno l’onore, chiedere scusa ai pisani o in un guizzo di dignità ricorrere a quell’arma sempre più rara, delle dimissioni? Era sicuramente meglio che ricorrere a certe iniziative che squalificano ulteriormente la nostra città.   

Torna su
PisaToday è in caricamento