No al depotenziamento della stazione ferroviaria di Pisa: approvata mozione in Consiglio comunale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

ll Consiglio Comunale di Pisa ha approvato all'unanimità la mozione presentata dal nostro gruppo consiliare contro il piano di RFI di depotenziamento della stazione ferroviaria di Pisa con il trasferimento a Firenze del cosiddetto DOTE (Dirigente operativo Trazione Elettrica).

Nel documento (primo firmatario il nostro capogruppo Ciccio Auletta) il Consiglio comunale "esprime la propria contrarietà rispetto al piano di depotenziamento della stazione di Pisa presentato da Pisa e condivide le preoccupazioni espresse dalle organizzazioni sindacali per quanto riguarda le possibili ricadute occupazioni" e invita il sindaco a convocare un tavolo con tutti i soggetti interessati (la Regione, Rfi, le organizzazioni sindacali), al fine di trovare una soluzione alternativa al ridimensionamento, prospettato da Rete Ferroviaria Italiana, della Sala di comando e controllo della circolazione ferroviaria di via Quarantola a Pisa.

Dal Consiglio comunale di Pisa arriva un segnale importante di sostegno alla mobilitazione che da settimane le organizzazioni sindacali e i lavoratori stanno portando avanti rispetto ad una scelta che potrebbe rappresentare il primo passo di un progressivo smantellamento del Centro di controllo pisano, e che al contempo mette a rischio circa 20 dei 150 lavoratori altamente specializzati impiegati nella struttura che andranno incontro a trasferimenti o ricollocamenti in altri settori.

Torna su
PisaToday è in caricamento