homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pisa unico e super Comune: ecco l'idea del sindaco Filippeschi

I partiti di maggioranza (Pd, Psi, Idv e Lista civica) hanno lanciato la proposta di avviare una riforma istituzionale che preveda la nascita di un unico grande comune, unendo tutti i municipi della zona

L'idea è quella di creare un super Comune, unendo Pisa con i paesi di San Giuliano, Calci, Vecchiano, Vicopisano e Cascina.  "Siamo pronti - ha detto il sindaco, Marco Filippeschi - per una città più grande, motore della Toscana: con la riforma delle istituzioni locali, oltre il piano strategico dell'area pisana, per un nuovo comune di 200 mila residenti e una nuova democrazia municipale".

In un'assemblea cittadina i quattro partiti che governano la città hanno ufficialmente lanciato la ricandidatura di Filippeschi per un secondo mandato da primo cittadino. "La riforma delle province e la nuova carta delle autonomie locali - ha sottolineato Filippeschi - possono essere l'occasione per fare una discussione assai utile e un passo in avanti. Pisa è un comune ben amministrato, definito virtuoso secondo la legge, con minore debito, recupero dell'evasione fiscale, ridotta spesa di personale, aziende in house (strumentali) efficienti e utili ai nostri obiettivi".

Infine, il sindaco pisano ha spiegato che nei prossimi anni l'amministrazione farà altre riorganizzazioni, superando i limiti dimensionali per restare al passo con l'Europa. "Stiamo sviluppando il Piano strategico dell'area pisana - ha concluso - e siamo la realtà più avanzata della Toscana in questo campo, come ci dice la Regione. Ma economie di scala e programmazione ai ritmi necessari non si possono fare, in questi limiti. E dunque anche le politiche più innovative sono fragili, rischiano di non cambiare davvero l'amministrazione, di essere effimere". (Fonte Ansa)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Piero
    Piero

    Non so quanto sia fattibile, ma vi dirò che l'idea non è così malvagia

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Con la macchina contro un autobus: 51enne perde la vita

  • Cronaca

    Tangenziale nord-est: "Rossi da il via libera ad un'opera concepita 40 anni fa"

  • Cronaca

    'Surf for all': a Tirrenia la prima scuola di surf per disabili della Toscana

  • Cronaca

    Palazzo ex Telecom, nuovo bando di gara: "L'Amministrazione sta dando i numeri"

I più letti della settimana

  • Consiglio Comunale: via alla spianatura delle spiaggie di ghiaia

  • Manifestazione per la rotatoria a San Piero a Grado, Lega Nord: "Protestano contro loro stessi"

  • Unione della Valdera, esce Ponsacco: botta e risposta con il sindaco di Palaia

  • Via Ponticelli, la denuncia: "Accesso pericoloso ai binari ferroviari"

  • Unione della Valdera, Millozzi: "La responsabilità è di tutti"

Torna su
PisaToday è in caricamento