Coronavirus, il voto in Regione: "Prezzi calmierati negli stabilimenti per le fasce deboli"

L'ordine del giorno è stato votato in Consiglio Regionale, l'atto è stato presentato da Irene Galletti (M5S)

"L’approvazione di questo mio atto in Consiglio regionale è un risultato concreto, che consentirà a molte famiglie toscane di poter trascorrere le ferie negli stabilimenti balneari della nostra regione a prezzi ridotti. Una proposta che si aggiunge al bonus vacanze di 500 euro, che sarà stanziato a breve dal Governo. Irene Galletti, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle e candidata alla presidenza della Toscana, commenta l'approvazione dell'Odg che porta la sua firma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Giunta si impegna formalmente affinché i gestori degli stabilimenti balneari prevedano sistemi di riserve posti e di prenotazioni a prezzi calmierati per i nuclei familiari meno abbienti, con particolare tutela per le famiglie con figli minorenni, le persone con disabilità e gli over 70. Quest'anno è giusto pensare meno al profitto e maggiormente al valore sociale di quel turismo che ci sarà permesso di fare, un atto doveroso date le aumentate ristrettezze economiche di molti nuclei familiari. Alla luce della proroga delle concessioni fino al 2033 ottenuta dal governo nazionale, direi che è una contropartita assolutamente ragionevole".

"Oltre a questo - sottolinea Galletti - ho chiesto fondi adeguati da destinare ai Comuni costieri per consentire una gestione unicamente pubblica delle spiagge libere, in collaborazione con le associazioni volontarie di salvamento presenti nella Regione. Si deve garantire agli utenti un adeguato servizio di sorveglianza per il rispetto delle normative anticontagio, compresa la sanificazione delle eventuali strutture e pertinenze (docce, bagni, pedane etc.), ma anche un adeguato servizio di salvamento e pulizia della spiaggia. Le spiagge libere ormai sono fazzoletti di sabbia circondati da arenili nelle mani dei privati, pretendere che questi pochi spazi siano accoglienti e sicuri per i bagnanti è il minimo che si possa chiedere, e la Regione deve avere l'obbligo di aiutare i Comuni su questo con finanziamenti strutturali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Coronavirus in Toscana: 10 nuovi casi e 5 decessi

  • Il Giugno Pisano si farà: "Eventi simbolici per dare continuità alla tradizione"

Torna su
PisaToday è in caricamento