Fusione dei Comuni: cittadini di Castellina e Riparbella alle urne

Voteranno per esprimere il proprio parere sulla possibilità di diventare un ente unico. Spetterà al Consiglio Regionale poi la decisione finale in merito

Domenica 8 e lunedì 9 maggio i cittadini di due Comuni della provincia di Pisa, Castellina Marittima e Riparbella, saranno chiamati alle urne per votare al referendum consultivo sulla fusione. Spetterà poi al Consiglio Regionale decidere nel merito.  Oltre che nei due Comuni pisani, si voterà anche a Capolona e Castiglione Fibocchi in provincia di Arezzo e a San Marcello e Piteglio a Pistoia. Sei enti dunque che potrebbero diventare tre.

Le urne rimarranno aperte dalle 8 alle 22 la domenica e dalle 8 alle 15 il lunedì. A Capolona e Castiglion Fibocchi sono chiamati al voto complessivamente 6.056 elettori, poco meno di tre quarti a Capolona e il resto a Castiglion Fibocchi. A Castellina Marittima e Riparbella potranno votare in 2.943 e 7.905 a Piteglio e San Marcello, che da solo di elettori ne conta 6.190. Potranno partecipare anche gli stranieri residenti da almeno cinque anni.

In tutta la Toscana dal 2012 sono già stati diciassette i referendum che si sono svolti in Comuni che avevano deciso di fondersi. Nove hanno detto sì e per otto la fusione c'è già stata: Abetone e Cutigliano lo faranno dal 1 gennaio 2017. I Comuni di tutta la regione sono così passati da 287 a 279 (e saranno 278 tra pochi mesi). Otto referendum invece sono stati bocciati.

I REFERENDUM PRECEDENTI
Il primo dei diciassette referendum che ci sono già stati è stato quello del 6-7 maggio 2012 in Casentino, che ha coinvolto tredici diversi Comuni
ma bocciò il comune unico. Il 21-22 aprile 2013 di referendum ce ne sono stati ben quattro: negli otto Comuni dell'Elba vinsero i 'no', mentre si
sono fusi Figline e Incisa, Castelfranco e Piandiscò, Fabbriche di Vallico e Vergemoli. Il 16 giugno 2013 è stata la volta di Castel San Niccolò e
Montemignaio, dove i cittadini hanno detto che la fusione non era da farsi.
Altri nove referendum si sono svolti il 6-7 ottobre 2013. Nel pisano i cittadini di Peccioli e Capannoli bocciarono la fusione con Palaia, dove avevano prevalso i 'sì', mentre sono diventati un Comune unico Lari-Casciana Terme e Lorenza-Crespina. Via libera anche al nuovo Comune di Pratovecchio Stia e a quello di Scarperia e San Piero a Sieve nel Mugello, mentre un 'no' è stato registrato per Suvereto e Campiglia e per la proposta di un Comune unico di Villafranca e Bagnone. Saltata anche la fusione tra Aulla e Podenzana e Borgo a Mozzano e Pescaglia. Il penultimo referendum si è tenuto il 26-27 ottobre 2014, con la nascita dal nuovo Comune di Sillano Giuncugnano. Poi c'è stato il 29-30 novembre 2015 quello dell'Abetone e Cutigliano, con il via libera alla fusione ricevuto a gennaio dal Consiglio Regionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo sette i nuovi casi, un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 14 nuovi casi e 6 decessi

  • Coronavirus in Toscana, 18 nuovi casi: un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 12 nuovi casi e 2 decessi

Torna su
PisaToday è in caricamento