Solvay, il sindaco Buselli: Pellegrini sbaglia su Volterra

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Un grave errore politico le dichiarazioni del sindaco di Montescudaio tese ad avallare l’estromissione dell’Amministrazione di Volterra dalle trattative sull’accordo Solvay.
Volterra, il cui territorio è direttamente impattato dalle estrazioni di sale (che peraltro attraverso gli ingenti prelievi idrici impattano indirettamente tutta la Val di Cecina), ha tutto il diritto di sedersi al tavolo delle trattative come e più degli altri. Non si possono accettare i diktat dela Regione Toscana, che come sempre mette gli interessi di un privato davanti a quelli della collettività: escludendo Volterra dal tavolo delle trattative non si fa un dispetto a Buselli ma si danneggiano tutti i cittadini di Volterra e tutto l’ambiente della
Val di Cecina. Tanto più che il protocollo ponte firmato dai sindaci della zona appare un documento teso più a dare un alibi politico che a risolvere i problemi e la decisione di Volterra di non firmare un accordo che non contiene nessun vincolo preciso appare del tutto giustificabile.

Non dimentichiamo che dopo Volterra toccherà a Montescudaio subire le prepotenze di Solvay e Regione, in quanto l’acqua del nostro territorio a loro serve e sono pronti a togliercela senza darci nulla in cambio. Temiamo che a breve il Sindaco di Montescudaio si pentirà della sua posizione.

Le dichiarazioni di Pellegrini su Volterra:

I più accesi sono Valter Picchi, assessore provinciale pisano all’ambiente e il sindaco di Montescudaio, Aurelio Pellegrini. "Volterra rientrerà nell’accordo di programma — dice il primo — ma, in base a quel che aveva detto la Regione, non potrà sedersi al tavolo per la trattativa. Se il sindaco Buselli avesse detto di non essere d’accordo con quanto stabilito, ma di voler firmare lo stesso il protocollo-ponte sarebbe stato diverso. Mi sembra che non ci siano alternative". Pellegrini dice che l’estromissione di Volterra dal
tavolo per l’accordo di programma "è il minimo, visto che le altre amministrazioni si sono prese le loro responsabilità".

Torna su
PisaToday è in caricamento