Violenza di genere, Picchi: "Dall'amministrazione solo progetti spot"

La consigliera Pd apprezza il progetto 'C'è Luisa', ma attacca le politiche della Giunta volte a "rendere deserta la città"

Il progetto 'C'è Luisa' incassa l'approvazione della consigliera comunale Pd Olivia Picchi, che però pone alcuni dubbi sulle politiche dell'amministrazione.

Da un lato plaude all'idea: "Il progetto ha, a mio avviso, una cosa importate: il coinvolgimento degli esercenti. Ringrazio subito le associazioni di categoria che hanno aderito all'iniziativa e quei singoli imprenditori che si sono dati da subito come disponibili. Il convilgimento di cittadini, imprenditori o meno, è importante da un punto di vista culturale, perchè promuove la diffusione di una cultura di genere, crea sacche di protezione, e stimola e sviluppa 'l'attenzione' in contrasto con un'indifferenza sempre più dilagante.Il punto però è un altro. Benchè, ripeto, sia ben accolta qualunque iniziativa, il progetto 'C'è Lusia' non fa altro che testimoniare l'inadeguatezza di questa amministrazione sui temi della violenza di genere e delle pari opportunità".

Ecco quindi l'attacco politico: "Si prende un progetto copiandolo da altre realtà solo e soltanto per poter dire che 'in fondo si fa qualcosa'. Si inserisce il progetto all'interno di un'azione amministrativa inesistente su questi temi: nessuna risorsa in bilancio, nessuna presa di posizione o programma. A questo si aggiunge che la maggioranza ha bocciato in Consiglio Comunale mozioni che promuovevano un impegno del Comune sul contrasto alla violenza di genere o sulla parità salariale o sull'accesso ai pubblici uffici. Il Consiglio Cittadino delle Pari Opportunità è partito con grave ritardo, non esiste una reale relazione fra il Comune e le associazioni cittadine che si occupano di violenza sulle donne".

Nel merito dell'efficacia del progetto, la consigliera Picchi si domanda: "Il progetto prevede la possibilità per le donne che si sentono minacciate per strada di poter trovare aiuto nei locali aperti. Come si coniuga questo con la volontà di questa maggioranza di chiudere gran parte dei locali alle 21? L'assessore Gambaccini pensa che la violenza avvenga alle due del pomeriggio quando la città brulica di persone? Ho abitato per molti anni nel quartiere della stazione, nulla mi rendeva più tranquilla al mio rientro a casa che avere il bar in piazza Vittorio e quello sotto i portici aperti. Nulla mi rendeva più tranquilla che passeggiare anche di notte in una città fruita dalle persone. La movida non è solo disagio e rumore, la cultura, gli spettacoli sono anche 'occupazione' sana di spazi, lavoro e sicurezza per tutti, donne comprese. Come può essere attuato il progetto se si passeggia in una città deserta?".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

Torna su
PisaToday è in caricamento