Se la finanza si allea all’agricoltura

Una banca a servizio della Terra: nasce da qui, in Toscana, un progetto finanziario per contrastare l'abbandono dei terreni e favorire il ricambio generazionale

di pico2009

Il nome già sembra un ossimoro, la “Banca della Terra” mette l’una accanto l’altra due attori economici diametralmente diversi tra loro. Da un lato la banca, parola simbolo degli affari che muovono le sorti del mondo senza una realtà corporea, dall’altro la Terra, quanto di concretamente tangibile ci si possa immaginare.

La sfida del progetto però, per quanto ambiziosa, è piuttosto chiara: contrastare l’abbandono dei terreni e delle produzioni, mantenere e incrementare la produttività dei terreni in abbandono, favorire il ricambio generazionale in agricoltura, creando nuove opportunità di lavoro per i giovani.

Lo strumento, creato dalla Regione Toscana, nasce per valorizzare il patrimonio agricolo-forestale, di proprietà pubblica e privata, favorendone l'accesso all'utilizzo soprattutto ai giovani agricoltori. Con un inventario completo e aggiornato dell'offerta dei terreni e delle aziende agricole di proprietà pubblica e privata disponibili per essere immessi sul mercato, o in affitto o in concessione, si intende rafforzare le opportunità occupazionali e di reddito delle aree rurali, creando sinergie con l'imprenditoria privata soprattutto giovanile, ma si vuole anche promuovere il contributo positivo dell'agricoltura e delle foreste all'ambiente e al territorio per la salvaguardia della biodiversità e della tutela del paesaggio; tutelare e mantenere la risorsa forestale anche per prevenire dissesti idrogeologici e difendere le zone e le popolazioni di montagna dalle calamità naturali.

Il progetto coinvolge nove cooperative toscane operanti in diverse filiere (vitivinicola, olivicola olearia, florovivaismo, cerealicola) e prevede l’assegnazione dei terreni resi disponibili attraverso varie forme contrattuali, mantenendo pur sempre la centralità del ruolo delle cooperative in questi processi di mobilità fondiaria (la cooperativa come Banca della Terra - con rapporti di deposito, prestito, intermediazione).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
PisaToday è in caricamento