Per un soffio sotto la sufficienza in sostenibilità

Pisa - settima tra le città medie - si ferma al 59,46%. Questo il responso del rapporto di Legambiente, Ambiente Italia e Sole 24 Ore che pubblica punteggi e graduatorie dei centri urbani in ecologia e vivibilità

di Daderot

Il panorama generale non è di quelli che invitano a tirare un sospiro di sollievo e a rilassarsi. Il rapporto Ecosistema Urbano 2013 - lo studio targato Legambiente, Ambiente Italia e Sole 24 Ore, il rapporto Ecosistema Urbano 2013 che pubblica la graduatoria delle città, dalla più sostenibile alla meno - rivela che solo 11 centri urbani italiani raggiungono la sufficienza in sostenibilità: Rimini non è tra questi e non rientra nella top ten delle città di medie dimensioni
 
 Lo classifica è suddivisa per città grandi, medie e piccole, ma sono appena 11 i centri urbani italiani che arrivano al sei. Tra i molti parametri presi in considerazione: la qualità dell’aria, la quantità di polveri sottili, il consumo idrico domestico, la qualità delle condutture, la percentuale di raccolta differenziata effettuata, le aree verdi, le piste ciclabili, l’offerta di trasporto pubblico, le politiche energetiche locali.

Tra le città di medie dimensioni, Pisa è settima e, con un punteggio di 59,46, per un soffio non raggiunge la sufficienza. Sul podio ci sono Trento, in pole position con l’ottimo indice del 71,38%, Bolzano con il 67,80% e Parma con il 54,17%. Seguono Perugia, La Spezia, Reggio Emilia e, dopo Pisa, Forlì, Piacenza, Pesaro, Ancona, Modena, Udine, Bergamo e Ferrara in 15ma posizione con il 55,19%. È evidente che l’indice in media per le città di medie dimensioni è superiore a quello delle grandi città. Chiude la classifica al 44mo posto Siracusa con il 29,38%.

Tra i grandi centri abitati al primo posto c’è Venezia con il 64,85%, al secondo Bologna con il 56,12%, al terzo Padova con il 53,22%. A seguire troviamo Verona, Genova, Trieste, quindi Firenze con il 47,70%, poi Milano con il 46,52%, Torino con il 46,31%, Roma con il 42,81%, Napoli con il 40,01% e, ancora, Messina, Bari, Palermo e Catania, in 15ma posizione, con indice pari al 25,59%.

Tra le città piccole svetta su tutte Belluno, di poco più in alto rispetto a Trento con indice del 72,19%, segue Verbania con il 66,32%, poi Nuoro con il 65%, Pordenone, Mantova, Gorizia, Oristano, Aosta, Chieti e in 10ma posizione L’Aquila. Ultimi tre posti in classifica: Crotone, 43a con il 21,81%, Agrigento con il 19,23% e Caltanissetta, al 45mo posto, con indice del 18,69%.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
PisaToday è in caricamento