Calcio a 5 ipovedenti: il Cus Pisa ospita la prima tappa della Coppa Italia

La manifestazione è organizzata dalla Federazione italiana sport paralimpici per ipovedenti e ciechi (Fispic), in collaborazione con il Comitato italiano paralimpico e l'Inail

Il prossimo 25 maggio, il Centro universitario sportivo pisano ospiterà la prima tappa della Coppa Italia di calcio a 5 per ipovedenti. A sfidarsi sul parquet degli impianti sportivi del Cus Pisa saranno le formazioni dell'Asd Us Limite e Capraia, unica squadra toscana impegnata nella competizione per atleti con disabilità visive, e l'Asd Tigers Cagliari, squadra campione d'Italia in carica nella categoria B2/3.

Le due formazioni si ritroveranno al Cus Pisa dopo le fasi finali del campionato che ha visto i sardi primeggiare dopo aver sconfitto in semifinale la formazione del Limite e Capraia (6-2) e l'Asd Adriatica Uici in finale (3-1). La sfida di sabato prossimo inaugura la Coppa Italia di categoria organizzata dalla Federazione italiana sport paralimpici per ipovedenti e ciechi (Fispic), in collaborazione con il Comitato italiano paralimpico e l'Inail.

Dopo aver ospitato una tappa della Coppa del mondo di scherma paralimpica, il Cus Pisa metterà nuovamente a disposizione strutture e professionalità per contribuire alla buona riuscita della competizione, confermando l'attenzione e la promozione per le attività sportive e motorie rivolte a persone con disabilità. Oltre alla presenza di una squadra di calcio composta da ragazzi down (milita in quarta divisione), al Cus Pisa trovano spazio e accoglienza giovani e studenti che praticano tennis in carrozzina, bambini con varie difficoltà motorie e cognitive impegnati in vari corsi sportivi e nei campi solari estivi e malati di Alzheimer coinvolti in varie attività.

Recentemente, il Cus Pisa ha anche aderito a 'Spin-Sport per l’inclusione', il progetto nazionale dei Centri universitari sportivi per l’orientamento e l’avviamento allo sport per bambini, ragazzi e studenti con disabilità che ha permesso di incrementare la già vasta offerta di attività sportive, motorie e sociali per persone con disabilità (adattate o integrate e inclusive) che fanno del Centro universitario sportivo pisano un 'luogo amico' grazie ad impianti accessibili e personale dedicato.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

  • Sabbia in casa: trucchi e consigli per liberarsene

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

Torna su
PisaToday è in caricamento