Lucchese - Pisa 0-1 | Marconi insacca con una magia di tacco: il 'derby del Foro' è nerazzurro

Il Pisa passa con la splendida girata al volo del suo centravanti nel primo tempo. Nella ripresa i nerazzurri controllano bene la reazione della Lucchese e conquistano tre punti pesantissimi

L'esultanza dopo la rete nerazzurra (foto A. Scatà/PisaToday)

Il 'derby del Foro' è nerazzurro, grazie alla magia realizzata da Michele Marconi a metà primo tempo. E' stata una gara molto intensa e ben giocata da entrambe le formazioni. Il Pisa ci mette più intelligenza e qualità, e può festeggiare la vittoria al 'Porta Elisa' dopo 13 anni di astinenza. Uno 0-1 che sicuramente dà entusiasmo, fiducia e rilancia le ambizioni della squadra, apparsa opaca negli ultimi sette giorni. Il Pisa scavalca la Lucchese in classifica, salendo a quota 17.

Il Pisa approccia benissimo il derby, scendendo in campo con determinazione e aggredendo partita e avversari fin dal 1'. Le due squadre si affrontano a viso aperto, e costruiscono una palla gol per parte già nei primi cinque minuti. La Lucchese prova ad aumentare i giri del motore sulla fascia sinistra con Bortolussi e Favale, ed il Pisa risponde con una manovra finalmente convincente e continua dalla metà campo in su. Gucher e Marin dettano i tempi, Di Quinzio e De Vitis servono con puntualità gli inserimenti di Lisi e Zammarini, ed il Pisa entra spesso nell'area avversaria. Proprio da una di queste incursioni dalla fascia sinistra nasce il gol del vantaggio. Sul corner calciato da Di Quinzio, Marconi nell'area piccola si inventa un'acrobazia di tacco che spedisce la palla all'incrocio dei pali sul secondo palo. La rete fa letteralmente esplodere il settore dove sono assiepati gli oltre mille sostenitori pisani. La Lucchese imbastisce una buona reazione, ma gli uomini di D'Angelo non abbassano né i ritmi né il baricentro, ed in contropiede tengono in apprensione i rossoneri. Nella ripresa la Lucchese resta in dieci uomini all'ora di gioco, e nonostante una grande personalità non riesce praticamente mai a creare grattacapi alla difesa nerazzurra, ben guidata da Brignani. I nerazzurri avrebbero anche la possibilità di chiudere i conti negli ultimi minuti con due ripartenze, ma prima l'imprecisione di Izzillo e poi il fallo di Marconi vanificano tutto. Nei minuti finali la Lucchese prova il tutto per tutto, ma al 95' ad esultare sono gli oltre mille sostenitori pisani, che salutano tutta la squadra sotto al loro settore.

La partita

Da una parte una squadra lanciata da otto risultati utili consecutivi, imbattuta da metà settembre e gasata da tre vittorie di fila negli ultimi tre turni. Uno score che pone la Lucchese, di fatto, fra le sorprese più positive della prima parte della stagione. Sul lato opposto una compagine che fino a due settimane fa stava vivendo un trend decisamente esaltante, fatto di tre vittorie consecutive e prestazioni convincenti. Poi sono arrivate le due sconfitte di fila contro Virtus Entella e Siena che hanno fatto perdere alcune certezze, la brillantezza nel gioco e aperto il fronte delle critiche. Il Pisa arriva al 'Porta Elisa' con gli sfavori dei pronostici e due punti in meno - sul campo, al netto della penalizzazione di 11 punti inflitta ai rossoneri - della Lucchese in classifica. Sono questi gli ingredienti del 52° 'derby del Foro' in terra lucchese che arriva all'undicesima giornata.

Mister D'Angelo propone ancora una volta uno schieramento inedito, lasciando in panchina l'acciaccato Masucci ma anche - a sorpresa - uno degli attaccanti dato per titolare alla viglia: Cuppone. Dal 1' il solo Marconi a fare da terminale offensivo, supportato da Di Quinzio e De Vitis in un 3-4-2-1 mai visto finora. In mezzo al campo Gucher e Marin, con Lisi e Zammarini sugli esterni. In difesa si rivede Buschiazzo, che non partiva titolare dalla partita di Piacenza, insieme a Brignani e Meroni. L'ultima grande sorpresa del pomeriggio è il ritorno in panchina di Davide Moscardelli, nonostante alla vigilia fosse stato dato fuori dalla lista dei convocati. Mister Favarin risponde con il 4-3-3 che tante fortune e risultati positivi ha portato alla Lucchese fino ad oggi: tridente offensivo affidato a Bortolussi, De Feo e Sorrentino. Sulla corsia mancina agisce Favale, in prestito dal Pisa fino a fine stagione.

Il Pisa si fa vedere dalle parti di Falcone già al 2'. Marin recupera palla in mezzo al campo e pilota la ripartenza 'strappando' fino al limite dell'area rossonera. Il centrocampista allarga per De Vitis, che crossa al centro e trova proprio l'inserimento del romeno: il suo destro è potente ma poco angolato ed il portiere di casa respinge. La ribatutta innesca il contropiede della Lucchese, che si distende a destra con De Feo: l'attaccante viene trattenuto a metà campo da Meroni, che si guadagna il primo giallo dell'incontro. Fin dalle prime battute è derby vero, con le due formazioni che non lesinano nell'agonismo e nell'intensità della manovra e della pressione. Il Pisa risponde colpo su colpo ai padroni di casa, trovando buone trame sulla destra con De Vitis e Zammarini. Proprio il numero 5 al 14' arriva a rimorchio sulla sgroppata di Lisi sulla corsia mancina: la sua conclusione dal limite viene deviata in corner dalla difesa rossonera.

I padroni di casa rispondono al 16' con un'azione spettacolare. Bortolussi si incunea in area sul lob di Provenzano e al volo in mezza rovesciata trova il perfetto inserimento di Sorrentino. Il sinistro del centravanti è perfetto, ma ancora di più lo è la risposta di Gori che si distende sulla sua destra e toglie la palla dall'angolino. Il Pisa però, a differenza delle ultime due trasferte, è in palla e determinato a non concedere metri e fiducia agli avversari. Di Quinzio e Lisi sulla sinistra conquistano un corner, sulla cui battuta Marconi inventa una magia che fa esplodere il settore dedicato agli oltre mille sostenitori pisani. Il centravanti nerazzurro con il tacco destro disegna una parabola che va a morire sotto all'incrocio dei pali: al 21' è 0-1. La Lucchese reagisce, e nei dieci minuti successivi al gol stringe il Pisa nella propria metà campo, trovando una buona continuità nella manovra a sinistra, dove Bortolussi e Favale riescono a proporre diversi cross nell'area nerazzurra, ben presidiata da Gori.

Al 39' mister Favarin deve ricorrere al primo cambio del match: esce Mauri per un problema muscolare, al suo posto entra Bernardini. La Lucchese ha perso un po' dello slancio che aveva trovato subito dopo lo svantaggio, per merito anche di un Pisa ben messo in campo e capace di trovare sempre l'uomo libero sull'esterno. Un minuto prima dell'intervallo Gori si esibisce nella seconda parata 'salvarisultato'. La combinazione rossonera si conclude con il cross di Greselin che si deposita sulla testa di Sorrentino, appostato sul secondo palo: il suo colpo di testa è ben indirizzato sotto la traversa, ma dà il tempo al portiere nerazzurro di deviare in corner.  

Il Pisa inizia bene anche il secondo tempo, presentandosi con Marin alla conclusione al 51'. Di Quinzio libera il mediano al limite: stop e tiro del romeno, con Falcone che si distende sulla destra e devia in corner. Cinque minuti dopo anche D'Angelo deve ricorrere al primo cambio forzato : Meroni esce per un problema alla coscia destra, al suo posto Masi. La Lucchese si fa vedere con pericolosità al 61' con un tiro da fuori di Lombardo. Il terzino destro dai 25 metri calcia senza troppa convinzione, ma la palla rimbalza prima di arrivare da Gori: il portiere è incerto, non blocca e libera in corner con l'aiuto della difesa. Il Pisa non ci sta a farsi schiacciare, e con pazienza e precisione costruisce delle buone trame rasoterra orchestrate da Gucher, De Vitis e Di Quinzio. Il numero 10 al 64' salta con una piroetta il diretto marcatore e si invola verso la porta rossonera: punta Martinelli, che lo stende. Il signor Sozza non ha esitazioni: secondo giallo e espulsione per il centrale della Lucchese.

Favarin ridisegna la Lucchese con due cambi, senza però rinunciare al doppio attaccante. I rossoneri con caparbietà non si lasciano scoraggiare dall'inferiorità numerica e si propongono nella metà campo nerazzurra. Al 73' Provenzano elude il raddoppio di Gucher e Lisi e da destra serve Zanini al limite: il neoentrato calcia di sinistro alle stelle. Il Pisa abbassa troppo il suo baricentro, incoraggiando la Lucchese a prendere fiducia. Al 78' Marin atterra Bortolussi nei pressi dell'area di rigore Bortolussi: Gucher è ben appostato sulla traiettoria e allontana in corner la minaccia. In ripartenza però il Pisa mette i brividi al 'Porta Elisa' all'81' con un contropiede orchestrato da Izzillo. Il numero 8 si invola verso la porta avversaria con Marconi, ma invece di servire il centravanti tutto solo preferisce calciare: Falcone respinge. Passano altri tre minuti, ed il Pisa ci riprova in contropiede. Lisi e Marconi saltano il pressing rossonero e attaccano ancora la porta rossonera: il centravanti insacca, ma il guardalinee segnala un fallo alla partenza dell'azione e Sozza non convalida. Nei minuti di recupero la Lucchese conquista due corner in sequenza, sui quali sale a saltare anche il portiere rossonero: la difesa del Pisa riesce a proteggere la propria porta, e il derby si tinge di nerazzurro.

Le pagelle

Il tabellino

Lucchese - Pisa 0-1

Lucchese (4-3-3): Falcone; Favale, Gabbia, Martinelli, Lombardo; Provenzano, Mauri (39' Bernardini), Greselin (71' Jovanovic); De Feo (71' Zanini), Sorrentino (67' De Vito), Bortolussi. All. Favarin

Pisa (3-4-2-1): Gori; Meroni (56' Masi), Brignani, Buschiazzo; Lisi, Gucher (79' Izzillo), Marin, Zammarini (79' Birindelli); Di Quinzio (85' Cernigoi), De Vitis; Marconi (85' Masucci). All. D'Angelo

Reti: 21' Marconi (P)

Ammoniti: Meroni (P), Martinelli (L), Lombardo (L), Lisi (P), Gori (P)

Note: arbitro Simone Sozza; angoli 11-6 (7-4); recupero 2' e 5'; al 64' espulso Martinelli (L) per doppia ammonizione

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

Torna su
PisaToday è in caricamento