Canale dei Navicelli: accordo con la Federazione Italiana Canoa

L'obiettivo è aumentare il numero degli sportivi e creare attività per bambini e persone con disabilità

Il canale dei Navicelli sempre più a dimensione sportiva e con finalità sociali. Si rafforza, infatti, il sodalizio tra la Navicelli srl e la Federazione italiana Canoa Kayak che dal 2014 gestisce il centro di addestramento al Tombolo, grazie anche al rapporto tra l’Unione Canoisti Livornesi e la società Canottieri Arno di Pisa. Questa mattina, 11 genanio, nella sede della società che gestisce il canale, erano presenti il presidente della Federazione Italiana Canoa e Kayak (F.I.C.K.), Luciano Buonfiglio, il segretario generale della Federazione Italiana Canoa-Kayak e presidente del Coni Toscana, Salvatore Sanzo, che hanno incontrato l’amministratore unico di Navicelli di Pisa Srl Salvatore Pisano, il capo di gabinetto del sindaco di Pisa, Massimo Donati, il presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Gennai, e il direttore della Società della Salute, Pasqualino Scarmozzino.

"Insieme alla Federazione italiana - ha detto l’amministratore unico Salvatore Pisano - abbiamo deciso di ampliare e migliorare la fruizione di questo sport non solo agli sportivi e amatori ma anche ad altre categorie, anziani, bambini e portatori di disabilità".
"Il nostro è uno sport che richiede impegno e dedizione - ha detto Luciano Buonfiglio - e siamo felici che a Pisa esistano tante eccellenze a disposizione per svilupparlo nel migliore dei modi. Contiamo in breve tempo di moltiplicarne le presenze".

Sorto nel 2014, il centro di addestramento ha ridato impulso alle attività sportive sul canale e contemporaneamente permesso il recupero di un immobile all’epoca fatiscente oggi in comodato d’uso alla Federazione Canoa e Kayak. Per tutto l’anno gli atleti, livornesi e pisani, delle due associazioni sportive si ritrovano per allenarsi nelle acque del canale. L’obiettivo annunciato è di ampliare la base degli sportivi, anche con campus estivi rivolti ai bambini. Allo studio le attività con i dragon boat, imbarcazioni a venti posti, e la paracanoa, per persone con disabilità.

Nel suo saluto, il presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Gennai, ha auspicato che "questo centro cresca a livello sportivo anche con attività sociali e che il centro che è già di livello nazionale possa diventare sempre più rilevante"; mentre Massimo Donati, capogabinetto del sindaco che ha la delega allo sport, ha ricordato come "il canale dei Navicelli sia nato per altri obiettivi, industriali ed economici, ed oggi è una ottima opportunità che possa iniziare un percorso per farlo diventare luogo di incontro e socialità grazie allo sport. E di questo Pisa non può che esserne contenta".

Il segretario generale della Federazione Italiana Canoa-Kayak e presidente del Coni Toscana Salvatore Sanzo si è detto contento di avere a Pisa una sede della federazione, mentre il direttore della Società della Salute della zona pisana Pasqualino Scarmozzino ha ricordato come lo sport sia elemento importante per la cura di molte patologie e strumento privilegiato nell'integrazione e inclusione sociale delle categorie svantaggiate e più deboli, quali anziani e bambini.

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Salute: a Pisa il primo centro clinico proctologico e del pavimento pelvico

I più letti della settimana

  • Si sente male mentre passeggia in spiaggia: anziana turista trovata morta

  • Torna il cinema sotto le stelle al Giardino Scotto: il programma di giugno

  • Autostrada A4, camper tampona un tir: morto 42enne pisano

  • A Cascina inaugurato il punto vendita Bricofer

  • Incendio sul Monte Pisano: ancora fiamme

  • Camion in fiamme in superstrada: tratto chiuso

Torna su
PisaToday è in caricamento