Pisa - Carrarese: le probabili formazioni | D'Angelo: "Domani giocheremo per vincere: intensità e coraggio per superare l'avversario"

Nel match di ritorno tornerà fra i convocati anche Michele Marconi, che si è messo alle spalle i problemi muscolari. Il tecnico nerazzurro traccia la strada per arrivare al passaggio del turno

Novanta minuti. Tanto separa il Pisa dall'approdo al Secondo Turno Nazionale dei playoff. In mezzo però c'è un ostacolo durissimo da superare, che già nella gara di andata ha mostrato di saper impensierire e ferire la truppa nerazzurra: la Carrarese. Donani, mercoledì 22 maggio, alle 20.30 l'Arena Garibaldi ribollirà di passione per la sfida di ritorno del Primo Turno Nazionale: di fronte ai 9mila spettatori che affolleranno i gradoni dello stadio pisano, Pesenti e compagni dovranno disputare una gara accorta e determinata per avere la meglio degli azzurri di mister Baldini.

Tutti a disposizione

Il primo round della sfida ha messo in mostra un sostanziale equilibrio. I due pugili se le sono date di santa ragione a centro ring, arrivando alla campana finale in una condizione di parità a conti fatti giusta. Il Pisa dopo l'uno-due della Carrarese sembrava un boxeur suonato, ma con personalità e grande organizzazione è riuscito a raddrizzare la barca e invertire la rotta, mettendo con le spalle al muro gli azzurri. Sul piano del gioco sicuramente gli uomini di D'Angelo si sono fatti preferire, ma gli apuani hanno saputo colpire con maggiore cinismo sotto porta, convertendo in gol le uniche due azioni pericolose dell'intera partita. Nonostante i due risultati su tre a disposizione domani sera, però, i nerazzurri non giocheranno con l'intenzione di speculare e perdere tempo. Lo ha spiegato a caldo a Carrara Luca D'Angelo, e lo ribadisce alla viglia del match di ritorno.

"A Carrara siamo scesi in campo con un terzino più difensivo come Meroni - spiega - ma al di là di questa soluzione, nel primo tempo tutti i ragazzi hanno giocato bene". "I ragazzi stanno bene, anche Benedetti che ha recuperato a pieno dal taglio alla testa. Abbiamo tutti a disposizione e siamo pronti: le scorie fisiche le abbiamo gestite e eliminate. Anche Marconi sarà convocato". "La Carrarese è abituata a giocare su tutti i campi - prosegue il tecnico nerazzurro parlando degli avversari -.nessuno parte favorito: sarà una gara aperta anche domani sera". Nel primo tempo di Carrara il Pisa è riuscito a conquistare diversi calci piazzati, "senza però essere pericolosi. Ci siamo andati vicino, però purtroppo non abbiamo trovato la porta". Domenica Lisi aveva iniziato la partita dalla panchina, "e domani sera potremmo invertire la scelta e lanciare dal primo minuto lui e pensare poi all'inserimento di Meroni o chi per lui a gara in corso". "Sono molto contento per il gol di Pesenti - sottolinea D'Angelo - ha dato un calcio anche alla sfortuna delle ultime settimane. Ma a livello di prestazione non mi aveva mai deluso neanche nelle ultime partite di campionato: a Busto Arsizio ad esempio aveva impattato molto bene il match entrando dalla panchina. E' una nostra risorsa molto importante".

"Sul piano mentale non ci sono grosse problematiche - ammette Luca D'Angelo - perché sappiamo di dover fare la partita come è successo a Carrara. Dobbiamo giocare per vincere senza pensare ai due risultati su tre a disposizione. Anche perché spesso quello che succede in campo è totalmente differente rispetto a quello che si può pensare alla vigilia del fischio d'inizio. Le partite non si possono giocare virtualmente: servono attenzione, concentrazione e coraggio". "Ad esempio a Carrara avremmo dovuto fare delle sosituzioni prima di quanto avvenuto: Moscardelli e Liotti dovevano entrare prima, però poi le abbiamo congelate per riproporle nel finale di gara", spiega il mister del Pisa. "Ancora una volta la panchina si rivelerà decisiva - conclude - tutto il gruppo sta bene da tutti i punti di vista. Cercheremo di tenere alto il ritmo delle azioni, per tenere alta l'intensità fino a quando l'avversario ce lo concederà". "La qualità di questi spareggi generalmente è molto alta. Soprattutto le formazioni del Girone A stanno dimostrando, anche nei playoff, di essere superiori tecnicamente alle altre avversarie".

Entusiasmo e fiducia nei propri mezzi

In casa azzurra l'entusiasmo, nonostante la doppia rimonta subita nell'arco di un solo giro di lancette dell'orologio, non è scemato. La consapevolezza di aver tenuto testa e spaventato la migliore squadra della Serie C da gennaio in poi è forte nello spogliatoio di mister Baldini, che al termine della sfida del 'Dei marmi' non ha fatto drammi per il risultato finale. "Andremo a Pisa per vincere, come avremmo fatto anche se questa partita fosse finita meglio per noi", ha spiegato. A fronte delle ormai consuete amnesie difensive, la sua squadra ha dimostrato di avere un potenziale offensivo incredibile, capace di colpire improvvisamente anche una delle difese meno perforate della categoria.

All'Arena Garibaldi però Baldini dovrà fare fronte ad alcuni problemi di formazione, in parte dovuti alla stanchezza, in parte alle assenze forzate. Luigi Scaglia e Giacomo Ricci erano in diffida e, a causa dell'ammonizione rimediata domenica, domani dovranno guardare la partita dalla tribuna. La difesa azzurra quindi sarà monca di un terzino sinistro di ruolo: una soluzione probabile può essere lo spostamento di Carissoni dalla corsia opposta, con l'arretramento di Rosaia nella posizione di cursore destro. Anche in attacco si potrebbe assistere ad una rotazione, visto che Tavano non è apparso molto brillante: al suo posto potrebbe partire dall'inizio Maccarone, con Latte Lath a far rifiatare Biasci.

L'arbitro e alcune curiosità statistiche della partita

La sfida dell'Arena Garibaldi è stata affidata al signor Matteo Marchetti della sezione di Ostia Lido. Il fischietto romano ha tenuto a battesimo il Pisa in questa stagione, dirigendo la sfida di Coppa Italia contro la Triestina del 29 luglio (vittoria ai rigori dopo il 2-2 dei supplementari). In campionato invece ha arbitrato la Carrarese nella sconfitta interna con la Pro Vercelli (0-1). L'altro precedente con i marmiferi risale al 5 febbraio 2017: pirotecnico pareggio, 3-3, sul campo della Cremonese.

I nerazzurri anche al 'Dei marmi' hanno conservato la strepitosa striscia di imbattibilità, che ormai è arrivata sul campo a 17 partite (18 se si considera la vittoria a tavolino con il Pro Piacenza). Per contro, però, la Carrarese è riuscita a segnare due reti ad una difesa che non incassava più di un gol dalla partita di Coppa Italia di Viterbo del 13 marzo (3-2). La sfida di campionato giocata all'Arena Garibaldi ha visto il Pisa prevalere a pochi minuti dalla fine grazie al colpo di testa di Izzillo, dopo numerose occasioni da gol fallite o sventate dai prodigiosi riflessi del portiere azzurro Borra. Nel complesso il bilancio sorride con decisione ai nerazzurri: sono 13 le vittorie pisane, a fronte delle 4 della Carrarese e di 3 pareggi.

Le probabili formazioni

Pisa (4-3-1-2): Gori: Lisi, Benedetti, Meroni, Birindelli; Di Quinzio, Gucher, De Vitis; Minesso; Masucci, Pesenti. All. D'Angelo

Carrarese (4-2-3-1): Borra; Carissoni, L. Ricci, Karkalis, Rosaia; Cardoselli, Varone; Bentivegna, Piscopo, Latte Lath; Maccarone. All. Baldini

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Salute: a Pisa il primo centro clinico proctologico e del pavimento pelvico

I più letti della settimana

  • Luminara 2019: programma, informazioni e misure per la sicurezza

  • Torna il cinema sotto le stelle al Giardino Scotto: il programma di giugno

  • Incendio sul Monte Pisano: ancora fiamme

  • Rissa con accoltellamento in viale Gramsci: due feriti

  • Museo delle Navi Romane: il 16 giugno l'inaugurazione della 'Pompei del mare'

  • Professoressa colpita da ictus: i poliziotti la salvano entrando dalla finestra

Torna su
PisaToday è in caricamento